LAB2MOON: tre ragazzi italiani alla conquista della luna

Vota questo articolo
(0 Voti)

A 40 anni di distanza dal primo progetto indipendente apparso sul suolo lunare, una nuova sfida (tutta italiana) è in partenza.

 

Il gruppo aereospaziale Indus, inserito ormai da tempo nella competizione "Google Lunar Xprice", ha lanciato un contest online che offriva la possibilità di partecipare alla sua prossima spedizione spaziale: ad aggiudicarsi questa opportunità unica è stato un team composto interamente da ragazzi italiani (Mattia Barbarossa 16 anni, Altea Nemolato 18 e Dario Pisanti 22 anni). Il progetto di questi giovanissimi scienziati, uno scudo in grado di proteggere futuri esploratori o basi permanenti dall'esposizione alle radiazioni ionizzanti presenti sul suolo lunare, è riuscito ad avere la meglio sulle idee di altri 3400 candidati provenienti da tutto il mondo. Con la vittoria del contest i tre ragazzi si sono assicurati, inoltre, la possibilità di far partire il loro prototipo con la prossima spedizione, prevista per il 2017.

Articoli Correlati