La storia di Scooter: il cagnolino con due zampe e un carrellino di Lego

Vota questo articolo
(0 Voti)
Il piccolo Scooter è dalla nascita senza zampe anteriori. Mancanza che segna drasticamente il suo destino.

I suoi proprietari, infatti, lo hanno abbandonato, piccolissimo, dinanzi ad un centro veterinario. 

Per fortuna, a prendersi a cura di lui arrivano gli operatori di un centro per salvataggio per cani, a Phoenix, in Arizona, che con tanto affetto e tanta apprensione hanno insegnato al piccolo cucciolo a muoversi, spronandolo, per imparare a convivere con la sua disabilità.

Il cagnolino ha imparato a muoversi, facendo ovviamente leva sulle zampe posteriori, con l'aiuto di un carrellino speciale, costruito completamente con i mattoncini Lego.

In questo modo può evitare strisciando di farsi male al busto e e nel frattempo allenarsi e inziare la riabilitazione. 

Come hanno mostrato le radiografie, Scooter, a causa di una malformazione genetica, è nato con due moncherini al posto delle zampette anteriori.

Per il momento la sua struttura ossea è troppo debole per impiantare delle protesi, dunque, per il momento deve utilizzare dei sostegni che gli permettono di muoversi e camminare in modo più "naturale" possibile. 

I suoi "angeli custodi" hanno creato una pagina a tema su Facebook, The adventures of Scooter the 2 legged wonder, in cui vengono pubblicati continui aggiornamenti sui suoi progressi. 

Circondato dall'amore e dal sostegno di operatori premurosi, Scooter può finalmente godere di quell'attenzione che gli è stata negata dai suoi primi proprietari, al di là dei confini della disabilità.