Mitchell Falls: le meravigliose cascate sacre dell'Australia più selvaggia

Vota questo articolo
(0 Voti)

Nel Mitchell River National Park, uno dei più remoti luoghi dell'Australia, si trovano le Mitchell Falls, una serie di spettacolari cascate che si tuffano, da un'altezza di 80 metri, in un lago d'acqua dolce.

 La regione che le ospita, Kimberley, non solo si trova ai confini del mondo, ma è assolutamente incontaminato ed è stato popolato da intere generazioni di aborigeni. 

Oggi è abitata dalla comunità dei Wumambal, i quali considerano sacre queste cascate e le chiamano “Punamii-unpuu".

Si pensa che le acque dei laghi formate dalle cascate siano la casa di esseri soprannaturali, i Wungurr o serpenti creatori, che rendono assolutamente vietato fare il bagno.

Per raggiungere le cascate occorrerebbero circa due ore di cammino. Durante la stagione secca, da maggio a novembre, è possibile attraversare a piedi la Gibb RIver Road, ma il mezzo più comodo per raggiungerle resta l'elicottero. 

Il paesaggio è uno dei più suggestivi dell'Australia e per questo le Mitchell Falls sono una delle attrazioni principali del Paese.