La storia di Iceberg: un cane condannato a morte

Vota questo articolo
(0 Voti)

La storia di Iceberg è paradossale. 

 


Questo cane, di razza dogo argentino, è stato condannato a morte in Danimarca, in quanto specie proibita in quel paese.
Il suo padrone, uno chef di Avellino Giuseppe Perna, lo aveva portato con se nello stato del nord Europa e non aveva riscontrato problemi alla dogana.
In seguito ad una rissa con un altro cane Iceberg è stato sequestrato dalle autorità e allora si scoprì che la sua specie fosse proibita in Danimarca.
Tuttavia Perna non si è abbattuto ma ha agito per vie legali, sostenuto dai Verdi e dalla deputata Michela Vittoria Brambilla la quale è stata ricevuta dall'ambasciatore.
La battaglia del padrone di Iceberg è stata vinta e ora il cane potrà rientrare in Italia.