Fagioli e pomodori toscani ci proteggono dal diabete

Vota questo articolo
(0 Voti)
I fagioli zolfino e i pomodori costoluti, prodotti tipici delle terre toscane contengono molecole che sono in grado di bloccare le complicanze del diabete.

 

 Il merito di questa scoperta va ad una ricerca del progetto Aidara realizzata dall’Università di Pisa e finanziata dalla Regione Toscana, che ha indagato le proprietà nutraceutiche di diversi prodotti vegetali toscani.
Lo studio si è concentrato prevalentemente sull’attività dell’aldoso reduttasi, un'enzima che favorisce lo sviluppo di alcune complicanze del diabete. Secondo i ricercatori si tratta di una molecola che produce effetti dannosi nei diabetici e che possiede un’importante azione detossificante e benefica per l’organismo. Perciò bloccare la sua azione significa perdere anche i suoi effetti benefici. Per questo motivo i ricercatori hanno deciso di bloccare l'aldoso esclusivamente quando serve senza impedirne le funzioni detossificanti.
Al momento l'efficacia delle molecole è stata solamente testata e perciò non si può dichiarare ancora vincente.