Plauso di Codici per la mozione proposta da Pacetti, consigliere del M5S, che recepisce interamente quanto affermato ieri in un nostro comunicato stampa.

La storia delle “Casette dell’acqua” a Roma, ebbe inizio quando Irace e Tomasetti (ex Acea) durante il Giubileo, ebbero questa idea al fine di “rifare il make up” all’azienda che si trovava in un momento in cui la propria reputazione era, diciamo pure, opaca

Ancora disservizi idrici da parte di Acea, ancora famiglie costrette senza acqua per intere giornate.
 
Nel contesto critico in cui ci troviamo in tutta Italia e anche nella Capitale, in cui l’ondata di caldo sta determinando una crisi idrica, aggravata dal fatto che il lago di Bracciano sia sceso ad un livello preoccupante, concordiamo con il Sindaco sul fatto di chiudere eventualmente le fontane pubbliche come ipotesi per far fronte al problema
Saranno chiamati a rispondere di Truffa aggravata  con abuso dei poteri e violazione dei doveri inerenti ad un pubblico servizio, il presidente del CDA della GIRGENTI Acque spa, Marco Campione, per lui anche la recidiva ex art. 99 co. 2, cp.,  e Ponzo Giandomenico quale Direttore Utenze dal settembre 2009 sino al luglio  2014 e, successivamente quale Direttore Generale della stessa società.

Respinti i ricorsi avverso le sentenze del Tar, per cui l’Autorità per l’energia attraverso la propria regolazione, avrebbe reintrodotto “l’adeguatezza della remunerazione del capitale investito”

codici-dacci-il-5