Martedì, 13 Giugno 2017 08:05

Truffa aggravata per i vertici di Girgenti acque Spa, CODICI si costituirà parte civile

Vota questo articolo
(0 Voti)
Saranno chiamati a rispondere di Truffa aggravata  con abuso dei poteri e violazione dei doveri inerenti ad un pubblico servizio, il presidente del CDA della GIRGENTI Acque spa, Marco Campione, per lui anche la recidiva ex art. 99 co. 2, cp.,  e Ponzo Giandomenico quale Direttore Utenze dal settembre 2009 sino al luglio  2014 e, successivamente quale Direttore Generale della stessa società.


Il processo partirà il prossimo 13 giugno dinanzi al Tribunale Monocratico sez. penale di Sciacca e vede 172 persone offese, privati cittadini e utenze condominiali, che verosimilmente si costituiranno parte civile per ottenere il rimborso delle centinaia di euro indebitamente corisposte a Girgenti Acque spa, con il pagamento delle fatture idriche. L’attività della Procura avrebbe evidenziato secondo il capo d’imputazione artifizi e raggiri consistenti nel fatturare  autenti del servizio idrico integrato di Sciacca non serviti dal servizio di depurazione, bollette nelle quali, tra le voci di pagamento, figurava anche il canone di depurazione, inducendo  gli utenti in errore e procurandosi un ingiusto profitto in loro danno.

Anche l’Associazione di consumatori e utenti Codici, che da tempo segue le vicende e le criticità del sistema idrico integrato in tutta la Sicilia, si costituirà parte civile e sarà al fianco di quei cittadini che hanno subito un danno dalle condotte di Girgenti Acque spa.

Le problematiche del sistema idrico riguardano l’intera Regione e se da un lato, grazie all’azione sul territorio siamo riusciti addirittura ad ottenere l’annullamento di fatture pazze, (come in provincia di Trapani) dall’altro ci sono dei comportamenti che potrebbero avere rilevanza penale, come nel caso di Girgenti Acque” sottolinea l’Avv.Manfredi Zammataro, segretario del Codici Sicilia.

L’associazione Codici in questo processo sarà assistita dagli Avv. Mario CAMPIONE del Foro di Catania e Vincenzo MALTESE  del Foro di Trapani.

Per coloro che vorranno informazioni potranno chiamare la segreteria regionale al seguente n. 3202281052 oppure scrivendo a: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
codici-dacci-il-5