Far parte dell’Unione Europea si sa, cela “onori ed oneri”, ma quando i secondi superano di gran lunga i primi a danno dei nostri coltivatori ed allevatori e del marchio “Made in Italy” per i prodotti nostrani, allora ecco che si danneggia in modo irreparabile un settore fondamentale dell’economia italiana come quello alimentare, frodando inoltre il consumatore a livello mondiale, essendo destinatario delle nostre esportazioni

Guida al consumo dei prodotti agroalimentari d’eccellenza di Sicilia.
I militari della Direzione marittina – Guardia Costiera di Civitavecchia, nel corso di un controllo in un noto ristorante di cucina etnica del centro della Capitale, hanno rilevato gravi irregolarità sulle modalità di conservazione di prodotto ittico destinato alla clientela.
Il maxi scandalo della "carne fraca" (debole) esploso in Brasile, sta allarmando il resto del mondo, Europa compresa.

Il Tribunale Penale di Siena condanna fino a 4 anni di reclusione la cricca di Fusi Francesco, nella vicenda della nota azienda VALPESANA, per i reati previsti e puniti dall'art. 515 e 416 cp, riconoscendo l'associazione a delinquere finalizzata alla frode in commercio.

La Guardia di Finanza di Caserta sta applicando una serie di misure cautelari nei confronti di allevatori, rivenditori di latte e titolari di caseifici, per i reati di: adulterazione del latte utilizzato nel ciclo produttivo, commercializzazione di prodotti alimentari potenzialmente nocivi per la salute e la contraffazione del marchio Dop. Fino ad ora ci sono stati 10 arresti e 3 caseifici posti sotto sequestro.

codici-dacci-il-5