Martedì, 07 Novembre 2017 10:16

Lo zafferano: la spezia più contraffatta

Vota questo articolo
(0 Voti)
Lo zafferano è ricchissimo di molecole antiossidanti e anticancerogene, è però una delle spezie più contraffatte.


Due volte su tre è contraffatto ed è molto difficile capirne la provenienza non essendo obbligatoria in Italia l’indicazione di origine in etichetta.
Il prodotto più a rischio frode è quello in polvere perché può essere mescolato con altre parti della pianta o con piante diverse come la curcuma, il cartamo, la calendula, ma anche con minerali o coloranti sintetici. È meno facile l’adulterazione dello zafferano in fili, che può essere mescolato con altre spezie,con piante erbacee simili come il cartamo,la curcuma, o addirittura il colchico, una pianta velonosa,che può nuocere alla salute.
Il prodotto viene mescolato con componenti più economiche e con l'aggiunta di coloranti sintetici.

Il motivo è soprattutto economico, visto che la curcuma costa meno. In alcuni casi si trova in vendita anche lo zafferano vecchio.

Come riconoscere lo zafferano autentico?
1. Intanto dal prezzo: diffidate dello zafferano troppo economico.
2.Valutate poi la giusta velocità di colorazione del piatto: non deve essere troppo veloce.

L'adulterazione dello zafferano in polvere è più facile da realizzare in quanto l'unico modo per accorgersene è l'analisi chimica: si possono trovare polveri vegetali (pimento, curcuma), zucchero, amido o calcare.

Prestate particolare attenzione a questo prodotto!

 

codici-dacci-il-5