Martedì, 21 Novembre 2017 09:59

I pesticidi e i danni alla salute

Vota questo articolo
(0 Voti)

In agricultura per avere frutta e verdura che sia "immacolata" e quindi guadagnare di più si usano i pesticidi, che sono sostanze tossiche create per uccidere i parassiti delle piante.

Il “pesticida” è genericamente usato per indicare tutte le sostanze che interferiscono, ostacolano o distruggono organismi viventi (microrganismi, animali, vegetali).
Quelli usati in agricoltura sono i fitofarmaci (diserbanti, fungicidi,agenti chimici usati per difendere le colture da insetti, acari, batteri, virus, funghi e per controllare lo sviluppo di pianteinfestanti).

I pesticidi sono però nocivi anche per animali, ambiente e salute dell'uomo, causano gravi danni al sistema nervoso e paralizzano i processi vitali non solo negli insetti, ma anche nell'uomo.

Pesticidi ed erbicidi si accumulano nelle ghiandole endocrine come Pancreas, ipofisi, tiroide,paratiroidi,testicoli e ovaie.

Lo squilibrio del pancreas può provocare disturbi diabetici mentre lo squilibrio delle ghiandole surrenali, che regolano con i loro ormoni la vitalità dell'organismo, procurano sintomi come: stanchezza, scarsa adattabilità a situazioni stressanti, tensione. Anche le ghiandole riproduttrici, testicoli e ovaie, ricche di lipidi, favoriscono la concentrazione dei pesticidi. Ciò comporta una notevole riduzione della fertilità, sia negli uomini che nelle donne. Da una ricerca dell'Istituto di Fisioterapia della Riproduzione dell'Università di Pisa è emerso che estrogeni e pesticidi sono la causa di una drastica riduzione degli spermatozoi nei giovani adulti di oggi. L'accumulo di pesticidi nelle ovaie può causare cisti ovariche e alterazioni del ciclo mestruale nelle donne.
Anche il fegato, i reni e il sistema nervoso sono sede di accumulo dei pesticidi che, col tempo, causano danni irreparabili.
codici-dacci-il-5