Martedì, 24 Gennaio 2017 11:54

Il finto Resort dei Vip: maxi truffa per 20 milioni di euro, numerosi anziani raggirati. Codici Lombardia: ci costituiremo parte civile.

Vota questo articolo
(1 Vota)
Sembrava un investimento sicuro, quello spacciato dal manager esperto di finanza che, tra le numerose amicizie stellari, millantava quelle con star dal calibro internazionale, e che era riuscito a convincere numerosi investitori, tra cui molti anziani, a comprare le quote per la costruzione di uno spettacolare Resort a 8 stelle in un atollo caraibico del Belize, un vero e proprio angolo di paradiso.
 
Venivano loro offerte varie tipologie di soluzioni abitative, con una falsa perizia di stima del valore del Resort, ed a conti fatti sembrava effettivamente l’affarone del secolo. E’ così, infatti, che sono caduti vittima dell’inganno molti anziani risparmiatori.
La Guardia di Finanza di Varese ha scoperto appunto che non solo era tutto falso ma addirittura quei soldi sottratti agli investitori servivano ad effettuare autoriciclaggio di soldi tra Svizzera, Londra, Bahamas e Lussemburgo, attraverso la gestione di società fittizie. E’ vero, i primi investitori avevano ricevuto qualche rendimento, ma era solo una sorta di catena di Sant’Antonio con cui ai primi sottoscrittori venivano date le quote degli ultimi e così via, finché il gioco non ha più retto.
 
"I nomi di vip illustri come Bocelli e Travolta venivano usati per gettare fumo negli occhi agli investitori, ma la verità è che quel Resort non sarebbe mai potuto essere costruito perché l’atollo del Belize non è affatto edificabile e ha un vincolo ambientale assoluto – sostiene Davide Zanon, Segretario Regionale di Codici Lombardia – siamo dinanzi all’ennesimo caso di truffa aggravata rivolta a persone anziane, raggirate e spogliate dei risparmi di una vita, pertanto l’Associazione Codici Lombardia si costituirà parte civile nel processo ed è a disposizione di tutte le vittime coinvolte nella vicenda", conclude Zanon.
 
Tutti gli utenti, consumatori e risparmiatori coinvolti nella vicenda possono contattare Codici Lombardia allo 02/36503438 oppure all’indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.  e infine consultare il nostro sito su www.codicilombadia.org.
codici-dacci-il-5