In merito alla Tari e alla parte variabile gonfiata da alcuni Comuni, arriva la circolare del Ministero dell’Economia e Finanze, che afferma: è "corretto computare la quota variabile una sola volta in relazione alla superficie totale dell'utenza domestica", aprendo in questo modo ai rimborsi.

Pubblicato in Economia e Finanza
codici-dacci-il-5