Giovedì, 15 Giugno 2017 09:18

Assistenti sociali e autolesionismo: due mondi sconosciuti

Vota questo articolo
(1 Vota)

Dai dati emersi recentemente sugli adolescenti, appare palese come sia sempre più diffuso il loro disagio emotivo, che nei casi peggiori sfocia addirittura nell’autolesionismo per il 15% dei ragazzi

Fragilità emotiva e depressione che si manifestavano soprattutto durante l’adolescenza, ora vengono riscontrati sempre più precocemente, l’allarme viene dalla Società Italiana di Pediatria.
Circa un ragazzo su due ha sentito il bisogno nella sua giovane vita di avere un sostegno psicologico, ma “ l’84,2% non si è rivolto a un servizio di aiuto psicologico e solo il 4,8% ha utilizzato quello della scuola. Quelli che si sono rivolti allo specialista (7,4%) lo hanno fatto principalmente per problemi familiari (27,3%) seguiti da quelli sentimentali e comportamentali (entrambi al 21%), scolastici (16%) e con coetanei (13,3%)”.
Nei momenti difficili il punto fermo degli adolescenti sono gli amici. Il 70% riceve aiuto da loro, solo il 46% dei giovani, si rivolge ai genitori quando ha una preoccupazione, solo il 20% considera la scuola attenta alle esigenze degli adolescenti.
Il quesito che nasce alla luce di questi dati è: e se questi ragazzi facessero la mossa giusta di chiedere aiuto, fidandosi ed affidandosi ad esempio ad uno psicologo, questa potrebbe rivelarsi fatale?
Pensiamo cosa potrebbe succedere se questo psicologo segnalasse una situazione di autolesionismo ad un assistente sociale incompetente, come spesso accade, e quest’ultimo come soluzione adottasse l’allontanamento del minore come provvedimento d’urgenza, perché confonde l’autolesionismo con la responsabilità del genitore. Sarebbe un disastro.
Data la generale sommarietà con cui gli assistenti sociali spesso intervengono, la conseguenza sarebbe un adolescente o pre-adolescente che avendo chiesto aiuto, potrebbe ritrovarsi di punto in bianco senza alcun punto di riferimento e catapultato o in una casa famiglia o in un’altra famiglia affidataria.

Dott.ssa Carla Pillitu,
Ufficio Stampa CODICI
Cell. 340.0584752
Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Tel. 06.55301808 Fax. 06.55307081

codici-dacci-il-5