Gli amanti del calcio e dei film su PAY TV, a partire dal 1° ottobre 2017, pagheranno ben 13 mensilità invece che 12, e questo perché il periodo di fatturazione non sarà più mensile ma quadrisettimananale, secondo decisione unilaterale di Sky.

Purtroppo il consumatore italiano è vittima indifferenziata di pratiche commerciali scorrette o servizi non richiesti da parte delle aziende, non solo energetiche ma anche telefoniche, e si badi bene, nonostante qui le cifre siano inferiori, il fenomeno non è meno trascurabile

Presentato il DDL 2820 (Fissore-Consumatori), dopo il diritto all’oblìo si apre la strada al “diritto al consenso” - #VoglioScegliere

A seguito del mancato funzionamento dei servizi Internet da parte di Fastweb nella zona di Avigliana, Codici Torino - Associazione consumatori Onlus, Sportello di Susa, organizza la raccolta delle segnalazioni di tutte le persone che subiscono questo disservizio attraverso:

Sì, non parleremo più di quest’ultimo mese, né del mese di maggio perché anche noi di Codici Torino ci targettizziamo, come le principali case telefoniche italiane, sulle 4 settimane!
Giovedì, 15 Giugno 2017 14:33

Roaming addio definitivo dal 15 Giugno

Via libera definitivo a un accordo con gli Stati membri per l’abolizione dei sovrapprezzi sul roaming in tutto il continente.Rimosso anche l’ultimo ostacolo per dire addio alle tariffe di roaming nell’Unione Europea. Il Parlamento ha compiuto l’ultimo passo per arrivare alla fine del sovrapprezzo delle chiamate, degli sms e della navigazione internet, con il via libera definitivo a un accordo con gli Stati membri per mettere un tetto ai prezzi all’ingresso che vengono applicati dagli operatori su telefonate e dati.

La data: il 15 giugno
L’abolizione del sovrapprezzo del roaming entrerà effettivamente in vigore il 15 giugno prossimo e permetterà ai consumatori di chiamare, inviare sms e navigare su internet attraverso i telefoni mobili allo stesso prezzo che in patria quando viaggiano in un altro paese dell’Ue.

Le tariffe
In base all’accordo, quindi, dal 15 giugno 2017 il prezzo all’ingrosso (quello che vale nelle transazioni tra gli operatori) scenderà dagli attuali 50 euro per Giga a 7,7 euro. Il ribasso proseguirà: sei euro dal primo gennaio 2018, 4,5 euro dal primo gennaio 2019, fino al raggiungimento della cifra di 2,5 euro per Gigabyte a partire dal 2022.

 

codici-dacci-il-5