Giovedì, 23 Novembre 2017 20:36

WHATSAPP Se subisci un danno, per ricevere tutela devi andare in California Codici lancia un’azione legale per richiedere l’accertamento della vessatorietà e nullità delle clausole contrattuali

Vota questo articolo
(0 Voti)
Sapevate che se si ha un problema con Whatsapp, per via delle condizioni contrattuali a cui avete aderito, dovreste chiedere giustizia ad un arbitrato in California?
L’Associazione CODICI aveva invero già in passato segnalato la vessatorietà di tale condotta.
Tanto che, in data 11 maggio 2017, a seguito di un’istruttoria avviata nel procedimento “CV/154 WhatsApp – Clausole vessatorie”, l’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato confermava, e dichiarava la vessatorietà delle clausole facenti appunto parte dei Termini di utilizzo di WhatsApp Messenger.
Tuttavia, nonostante la pronuncia dell’Autorità Garante, la società continua ad applicare ed a riportare sul proprio sito internet le medesime clausole vessatorie, in evidente danno dei consumatori e degli utenti.
L’Associazione Codici ha quindi lanciato un’azione legale per richiedere l’accertamento della vessatorietà e nullità delle clausole contrattuali, al fine di poter creare anche un contesto contrattuale utile a portare avanti la  quotidiana battaglia contro i crescenti fenomeni di cyberbullismo e richiamare la società ad una più attenta politica a tutela dei diritti dei consumatori.
Per informazioni contattate il nostro sportello legale al numero 06.5571996 oppure scriveteci a: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
 
 
 
Dott.ssa Carla Pillitu,
Ufficio Stampa CODICI
Cell. 340.0584752
Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.  
Tel. 06.55301808 Fax. 06.55307081
 


WHATSAPP

 

Se subisci un danno, per ricevere tutela devi andare in California

 

Codici lancia un’azione legale per richiedere l’accertamento della vessatorietà e nullità delle clausole contrattuali

 

Sapevate che se si ha un problema con Whatsapp, per via delle condizioni contrattuali a cui avete aderito, dovreste chiedere giustizia ad un arbitrato in California?

L’Associazione CODICI aveva invero già in passato segnalato la vessatorietà di tale condotta.

Tanto che, in data 11 maggio 2017, a seguito di un’istruttoria avviata nel procedimento “CV/154 WhatsApp – Clausole vessatorie”, l’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato confermava, e dichiarava la vessatorietà delle clausole facenti appunto parte dei Termini di utilizzo di WhatsApp Messenger.

Tuttavia, nonostante la pronuncia dell’Autorità Garante, la società continua ad applicare ed a riportare sul proprio sito internet le medesime clausole vessatorie, in evidente danno dei consumatori e degli utenti.

L’Associazione Codici ha quindi lanciato un’azione legale per richiedere l’accertamento della vessatorietà e nullità delle clausole contrattuali, al fine di poter creare anche un contesto contrattuale utile a portare avanti la  quotidiana battaglia contro i crescenti fenomeni di cyberbullismo e richiamare la società ad una più attenta politica a tutela dei diritti dei consumatori.

Per informazioni contattate il nostro sportello legale al numero 06.5571996 oppure scriveteci a: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

 

 

Dott.ssa Carla Pillitu,

Ufficio Stampa CODICI
Cell. 340.0584752

Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.  

Tel. 06.55301808 Fax. 06.55307081

codici-dacci-il-5