Venerdì, 22 Maggio 2015 09:45

Polizze gratuite: dall’Ivass le indicazioni per non perdere la classe di merito

Vota questo articolo
(0 Voti)


Roma 22 maggio 2015 – Oltre13mila automobilisti italiani possono tirare un sospiro di sollievo. Dall’Ivass, l’Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni, arrivano buone notizie per tutti coloro che avevano approfittato dell’offerta di avere per un anno gratis la polizza auto. A distanza di tempo infatti, questi consumatori, così come denunciato da CODICI, si erano trovati davanti alla possibilità di tornare all’ultima classe di rischio. Un triste gioco dell’oca sulla pelle degli automobilisti a cui l’Istituto ha dato una risposta tramite un vademecum pubblicato sul sito (clicca qui) per tutti i consumatori nella sezione informazioni utili.

L’Associazione aveva inoltre segnalato all’Antitrust la promozione fatta dalla Mercedes, casa di produzione del modello Smart. Con una campagna mediatica diffusa, l’azienda assicurava a chi acquistava un nuovo esemplare la polizza assicurativa gratuita. L’Autorità a seguito della segnalazione di CODICI ha multato la Mercedes per 200mila euro pratica commerciale scorretta.

In particolare vengono pubblicate alcune avvertenze per il consumatore che spiegano agli utenti quali sono i loro diritti e come muoversi per non perdere la classe di merito acquisita in precedenza ed i benefici della legge Bersani e per ottenere il rimborso degli eventuali maggiori premi pagati.

Sempre sul suo sito, l’Ivass fornisce anche le indicazioni alle imprese  volte a sanare le posizioni assicurative di tutti coloro che hanno accettato una polizza rc auto gratuita con formula a franchigia in occasione dell'acquisto di un'automobile nuova.

“Invitiamo i consumatori a controllare gli eventuali cambiamenti relativi alla classe – dichiarano Ivano Giacomelli, Segretario Nazionale CODICI e Luigi Gabriele, Responsabile Affari Istituzionali -. In caso di diniego da parte delle assicurazioni, gli automobilisti possono rivolgersi a CODICI per chiedere eventualmente un risarcimento dei danni”.

E’ possibile contattare lo sportello dell’Associazione tramite l’indirizzo mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. o telefonare al numero 065571996



codici-dacci-il-5