Reportage sullo stato del quartiere Borsalino

Vota questo articolo
(0 Voti)

Innanzi tutto occorre precisare che tutti i problemi oggetto del presente rapporto sono già stati segnalati più volte negli ultimi anni, ora al quartiere Borsalino si rifanno le strisce e con due lampioni si illumina un parcheggio, ma restano diverse altre questioni importanti da risolvere.

Alessandria: Dopo qualche giorno dall’ennesimo e spettacolare incidente stradale in via Moccagatta, al quartiere Borsalino sono state rifatte le strisce pedonali che erano praticamente scomparse da anni e costituivano un ulteriore pericolo per i pedoni.


Non voglio pensare, come in una lettera recentemente pubblicata su un giornale, che i lavori pubblici vengono fatti in prossimità delle elezioni (anche se è lecito pensarlo e forse anche vero) ritengo invece che sia il caso di evidenziare i problemi importanti del quartiere che non vengono risolti da anni:

La velocità pericolosa delle auto che percorrono via Moccagatta e via Don Giovine mettendo ogni giorno a rischio l’incolumità dei residenti (sono già successi degli incidenti) occorre ricordare che nel quartiere c’è anche una Casa di riposo.

Giovani piante stanno morendo in un area degradata nelle vicinanze del parco giochi della clinica.

Il marciapiede alberato di via Piacentini completamente dissestato, nel quale ci sono già state diverse cadute e in un caso è stata fatta una denuncia.

Il marciapiede di via Don Giovine dissestato a tratti, in particolare davanti alla Chiesa.

Il parcheggio pubblico antistante il Condominio Marengo dissestato e anch'esso al buio.

Il parco giochi con la recinzione e il gioco della rete per arrampicarsi entrambi rotti e pericolosi per i chiodi arrugginiti che spuntano, oltre a tre  giovani piante messe a dimora nel 2010 e morte nel 2012 per mancanza di manutenzione e acqua.

Il degrado dell’area degli ex campi da tennis in disuso in via Piacentini, nella quale oltre alle erbacce e ai rifiuti abbondano anche i topi, erbacce ovunque sui marciapiedi che nessuno toglie da tempo.

Il degrado dell’aiuola con le rose, in via Moccagatta nel tratto antistante il discount Eurospin, dove abbondano le erbacce e i rifiuti.

La pista ciclabile a gruviera di via Moccagatta, che gran parte dei ciclisti evita di percorrere transitando così o sul marciapiede rischiando di investire i pedoni, o sulla strada rischiando di essere a loro volta investiti dalla auto che sfrecciano a velocità elevata.

Tre pali dell’illuminazione pubblica abbattuti da oltre un anno a seguito di incidenti stradali in via Moccagatta (e via Galimberti) con l’area della rotonda di via Boves al buio con tutti i rischi del caso, incidenti stradali e microcriminalità.

In tal senso occorre precisare che tutti i problemi di cui sopra sono stati più volte segnalati nel corso degli ultimi quattro anni, ma purtroppo senza esito, del resto se manca il dialogo con i cittadini è difficile che si possano risolvere.

Concludendo, come si evince dall’elenco sopra descritto, il quartiere è piccolo ma i problemi irrisolti da tempo sono molti e grandi, perciò grazie per le strisce pedonali e l’illuminazione del parcheggio dopo molti anni (c’è chi dice era ora) ma purtroppo non basta!..