Barrette di riso soffiato al cacao (senza glutine & vegan)

Vota questo articolo
(0 Voti)
Ultimamente mi sto davvero divertendo a preparare degli snack golosi, in tanti modi diversi ma sempre salutari e all’insegna della leggerezza.

Uno snack è sempre gradito, specialmente dopo una seduta di allenamento più o meno intensivo, una corsetta nei boschi o semplicemente dopo aver terminato i lavori di casa.


Avere a disposizione tavolette ai cereali o barrette ricche di nutrienti, golose e leggere evita di rimpinzarsi di cibo-spazzatura o dolci troppo ricchi di grassi e zuccheri.

Io ho quasi sempre delle energy bars a disposizione, naturalmente preparare da me, senza zucchero e senza farine, e spesso anche senza cottura.

Sono facili e veloci da preparare e piacciono a tutti in qualunque modo siano preparate.

Vi ricordate il Ciocorì, quella tavoletta di riso soffiato e cioccolato tanto amato e nato nel 1957?

E’ stato il primo snack che univa la leggerezza del riso soffiato alla golosità del cacao, non c’era molto altro (per fortuna, nel bene e nel male), ma credo sia ancora in produzione attualmente.

Le mie tavolette al riso soffiato ricordano il Ciocorì, con qualche variazione sana e nutriente, come sempre ovvio!

INGREDIENTI:

* burro di arachidi gr. 150

* sciroppo di riso gr. 50

* cacao amaro gr. 20

* riso soffiato gr. 25

Versate in una ciotola il burro di arachidi e lo sciroppo di riso, ammorbidite qualche secondo nel microonde e date una mescolata.

Aggiungete il cacao e il riso e mescolate con una spatola di silicone per miscelare bene tutti gli ingredienti.



L’impasto vi si presenterà piuttosto compatto e appiccicoso, continuate a mescolare fin quando tutti gli ingredienti sono ben amalgamati.



Rivestite con carta forno un teglia o un contenitore di circa 16 x 16 cm, versate l’impasto, distribuitelo bene lungo i bordi e negli angoli, quindi premete e compattatelo bene, magari aiutandovi appoggiando sulla superficie un altro foglio di carta da forno.



Mettete nel congelatore 30 minuti, poi togliete e tagliate prima a metà e poi in 5 o 6 parti nell’altro senso, in modo da ricavare una decina di pezzi circa.



Conservate in frigorifero in un contenitore chiuso, conservate si fa per dire…li finite prima!