Lunedì, 15 Maggio 2017 12:15

Tragedia Rigopiano, l'Associazione CODICI ha lanciato una class action contro Terna. I dettagli nel podcast sottostante

Vota questo articolo
(0 Voti)
Una situazione inaccettabile quella che ha visto come protagonista un quarto della popolazione abbruzzese, dopo la valanga che ha colpito l'Hotel Rigopiano il 18 gennaio scorso.

Clicca PLAY per ascoltare tutta l'intervista

Più di 159.000 mila le utenze senza energia elettrica per giorni. In difesa del consumatore si è mossa immediatamente l'Associazione CODICI, che ha deciso di attuare misure legali tramite l'azione di classe, permettendo di procedere all' indennizzo di risarcimento danno diretto. Un' inefficenza che denota certamente una cattiva manutenzione dei cavi elettrici.
"La capacità del cavo di resistere agli urti, e nel nostro caso al peso della neve è determinata dal tipo di cavo istallato dal distributore Enel Distributore Terna, che viene pagato periodicamente in bolletta per garantire la sicurezza - fa presente Luigi Gabriele, responsabile affari istituzionali di CODICI. Come associazione di consumatori, attraverso le nostre utenze, riconosciamo dei costi di rete che la società sostiene con un guadagno extra fino al 8%. Ma in realtà molti operatori hanno ottenuto marginalità fino al 20%."
Eppure viviamo in un contesto storico dove attraverso l'elettricità passa la vita. Del servizio elettrico non se ne può fare a meno ed è necessario che tutto sia controllato e monitorato adeguatamente, soprattutto investendo giustamente le spese che il consumatore paga in bolletta nella sicurezza del sistema.
CODICI resta a disposizione per qualsiasi segnalazione a riguardo all'indirizzo di posta elettronica Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. .