Dalla console alle figurine, l'ascesa senza fine di Fortnite

Vota questo articolo
(0 Voti)
Continua a stare sulla cresta dell'onda Fortnite, che, a poco più di un anno dalla sua uscita, rimane il videogame più giocato nel mondo.

Il titolo della Epic Games ha avuto un successo sbalorditivo grazie alle trovate degli sviluppatori, che sembrano non finire mai. L'azienda ha infatti trovato l'accordo con la Panini, la famosa azienda modenese, per produrre un album di figurine dedicato al mondo di Fortnite.

Il videogame, salito alla ribalta nel 2018, è diventato virale grazie alle centinaia di migliaia di streamer sparsi in tutto il mondo. Il gioco è diventato talmente famoso da aver influenzato anche il mondo dello spettacolo ed anche dello sport. Sono molti in particolare i calciatori che emulano i balli di Fortnite nelle loro esultanze, primo su tutti Antoine Griezmann, attaccante dell'Atletico Madrid, ma anche per Paul Pogba, centrocampista del Manchester United, fino ad arrivare ai calciatori più sconosciuti delle serie minori. Tutte queste condizioni hanno permesso al videogames di avere un seguito planetario con numeri mai visti.

La mossa della Epic Games è una trovata strategica molto intelligente. Dalle ricerche, risulta infatti che la maggior parte dei fans del videogioco abbia un'età inferiore ai 10 anni. Questi supporters rappresentano così il target perfetto per le figurine di Fortnite, che sembrano quindi destinate ad avere un successo sbalorditivo.

Le figurine a marchio Panini ritrarranno i famosi personaggi del gioco, le armi disponibili, i balli e gli scenari che si possono incontrare nel gioco.

Un business a 360 gradi, che in passato era stato intrapreso anche da altre aziende, basti pensare al successo avuto dalle card dei Pokémon, di Dragon Ball e alle famosissime figurine dei calciatori, il cavallo di battaglia della Panini.