L’incredibile storia dei giardinieri-equilibristi di Angkor Wat

Vota questo articolo
(1 Vota)
Una squadra di giardinieri lavora senza misure di sicurezza per preservare il monumento famoso in tutto il mondo.

I giardinieri - acrobati

Il loro team, composto da 30 membri, è l'unico in azione contro la proliferazione selvaggia della vegetazione nel tempio di Angkor Wat, in Cambogia. 

Si arrampicano sulle pietre del tempio lavorando con scale e bastoni e nessuna misura di protezione, ad eccezione di un insufficiente caschetto blu, arrivando anche a 60 metri di altezza da terra. Dei veri e propri ninja, insomma.

Il verde che danneggia il tempio

La squadra ha un ruolo fondamentale nella salvaguardia del monumento dalla crescita incontrollata di piante rampicanti ed erbacce che deturpano la bellezza del sito. Se non ci fossero loro, le radici degli alberi crescerebbero fino a distruggere le rocce e sfigurare la straordinaria bellezza del luogo.

Lavorano, nonostante i rischi in cui possono incorrere, per amore di uno dei posti più iconici del loro territorio.

La storia del tempio khmer

Angkor Wat è il monumento religioso più grande al mondo e si trova vicino alla città di Siem Reap; la sua costruzione risale al XII secolo per volere del re Suryavarman II dell'impero Khmer. Fa parte di un vastissimo sito archeologico entrato a far parte della lista dei Patrimoni dell'Umanità Unesco; è visitato oggi da turisti provenienti da tutto il globo ed è uno dei simboli più rappresentativi della Cambogia.

 

di Silvia Franzone