Venerdì, 24 Maggio 2019 12:20

“Mayday Sos Plastica”, una spedizione per salvaguardare il Tirreno

Vota questo articolo
(0 Voti)
Una spedizione di ricerca, monitoraggio e documentazione sull'inquinamento da plastica dei nostri mari.
È "Mayday Sos Plastica", il tour organizzato da Greenpeace e The Blue Dream Project, associazione no profit nata con lo scopo di preservare l'ambiente marino dalla plastica, presentato nei giorni scorsi a Ostia.

L'iniziativa, della durata di tre settimane, interesserà il Mar Tirreno Centrale, un'area marina di particolare importanza per il patrimonio di biodiversità e potenzialmente esposta a fenomeni di accumulo di materie plastiche. Nello specifico, saranno toccate alcune aree marine protette (Ventotene, il Regno di Nettuno-Ischia, Tavolara-Punta Coda Cavallo, Arcipelago Toscano) e zone fortemente colpite dall'inquinamento.

La spedizione si concluderà l'8 giugno all'Argentario, in occasione della Giornata mondiale degli Oceani e vedrà la partecipazione anche dei ricercatori del Consiglio Nazionale delle Ricerche, Istituto per lo studio degli Impatti Antropici e Sostenibilità in ambiente marino di Genova e dell'Università Politecnica delle Marche.

La criticità dell'inquinamento da plastica è confermata dallo studio presentato dai ricercatori dell'Università di Padova del Dipartimento di Biomedicina Comparata e Alimentazione (leggi qui). La ricerca ha monitorato lo spiaggiamento dei cetacei lungo le coste italiane dal 1998 al 2018. Dai dati emerge che il 30% degli animali analizzati sono deceduti a causa delle attività antropiche, di cui le cause principali sono il traffico marittimo e la pesca. Inoltre la contaminazione della plastica è in aumento, compromettendo così la salute degli animali. Dall'inizio dell'anno sono ben sei i capodogli spiaggiati sulle coste italiane. Gli ultimi due casi in Sicilia. Il primo si è verificato venerdì 17 maggio a Cefalù e l'altro proprio il 21 maggio a Palermo.

Questi drammatici episodi ci devono far riflettere su quanti danni la plastica può causare all'ecosistema marino. Per questo è importante che ognuno di noi contrbuisca a diminuire la produzione di rifiuti di plastica, cominciando proprio dagli acquisti più consapevoli.

Livia Niccoli
codici-dacci-il-5