Martedì, 04 Febbraio 2020 10:50

Coronavirus, Gallotta: ecco cosa può fare chi ha prenotato un viaggio in Cina

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

C'è un aspetto che riguarda i diritti dei viaggiatori nella vicenda Coronavirus.

Naturalmente è un tema minore rispetto alla situazione sanitaria, vista l'emergenza mondiale, ma merita comunque un accenno, anche solo per sgombrare il campo da dubbi.

Nel corso della trasmissione "Tutto in Famiglia", condotta da Livia Ventimiglia e Annalisa Colavito ed in onda su Radio Cusano, l'avvocato dell'associazione Codici Stefano Gallotta ha spiegato cosa può fare chi ha prenotato un viaggio in Cina e vuole annullarlo.

"Prima di tutto - spiega l'avvocato Gallotta, Responsabile del Settore Turismo e Trasporti di Codici - è bene precisare che quando c'è una causa di forza maggiore è previsto il risarcimento integrale di tutte le somme pagate, senza possibilità di penali per il recesso. Il Coronavirus è il classico caso di situazione talmente grave da rendere inevitabile la rinuncia da parte del viaggiatore. Anche la Cassazione è intervenuta sul punto, sottolineando che a fronte di rischi evidenti è legittimo l'annullamento del viaggio e la restituzione dell'intera somma versata. Chi avesse prenotato un viaggio in Cina e volesse annullarlo, può inviare alla compagnia una richiesta di recesso. Se ci sono problemi, se magari la compagnia oppone resistenza, è possibile rivolgersi ad un'associazione dei consumatori per ricevere assistenza".

L'associazione Codici è a disposizione dei viaggiatori, che possono richiedere informazioni e assistenza al numero 06.55.71.996 oppure all'indirizzo email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. .

In apertura di intervista, il legale si è invece soffermato su un classico caso di crociere da incubo. Una vacanza negli Emirati Arabi caratterizzata da una serie di disagi per un gruppo di viaggiatori, che hanno deciso di chiedere il risarcimento danni. Per queste situazioni è attivo un apposito numero WhatsApp, a cui è possibile scrivere inviando segnalazioni, con l'associazione Codici che risponderà fornendo assistenza. Il numero è 338.48.04.415.

L'intervista su Radio Cusano per "Tutto in Famiglia" può essere riascoltata tramite podcast.