Venerdì, 22 Maggio 2020 10:25

Fci: attacco hacker ai siti di Aeci, Codici e Konsumer. Ci vogliono fermare, ma noi andiamo avanti

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)
Un tentativo di intimidazione da parte di società che in questo momento sono oggetto delle class action avviate dalla Federazione Consumatori Italiana.


È questa la spiegazione dell’attacco hacker subito nella notte tra mercoledì e giovedì dai siti internet delle associazioni Aeci, Codici e Konsumer.

“I nostri tecnici – spiegano i responsabili di Aeci, Aiace, Codici e Konsumer, le quattro associazioni che compongono la Federazione Consumatori Italiana – ci hanno riferito che l’attacco è stato distribuito, hanno rilevato migliaia di IP provenienti da diversi Paesi. Nell’arco di 5 ore ci sono stati oltre 3 milioni di accessi. Fortunatamente non si sono verificati problemi in termini di sicurezza e i tecnici sono al lavoro per ripristinare i portali web. Quanto riferito dagli esperti conferma i nostri sospetti: l’obiettivo degli hacker era buttare giù i siti, rendendoli inaccessibili. Un attacco mirato, che riteniamo sia legato ad una delle società oggetto recentemente delle nostre class action. Vogliamo mandare un messaggio a chi ha cercato di danneggiarci colpendo i nostri siti: non ci fate paura e non ci fermerete. Per ogni attacco ricevuto, porteremo avanti le nostre azioni collettive con ancora più impegno e determinazione”.