Martedì, 28 Maggio 2019 08:47

Novità sull'indennizzo per cessazione attività commerciale

Vota questo articolo
(0 Voti)
L'Inps fornisce istruzioni e chiarimenti sull'indennizzo per la cessazione dell'attività commerciale, alla luce delle novità normative introdotte dalla legge di bilancio 2019.


A decorrere da quest'anno, l'indennizzo diventa una misura strutturale, con l'obbligo di versamento del contributo aggiuntivo dello 0,09% destinato in parte al Fondo per la razionalizzazione della rete commerciale.

La concessione dell'indennizzo, subordinata alle risorse finanziarie del Fondo, spetta:

ai titolari o coadiutori di attività commerciale al minuto in sede fissa, anche abbinata ad attività di somministrazione al pubblico di alimenti e bevande;
ai titolari o coadiutori di attività commerciale su aree pubbliche, anche in forma itinerante;
agli esercenti attività di somministrazione al pubblico di alimenti e bevande;
agli agenti e ai rappresentanti di commercio.

Alla data di presentazione della domanda bisogna essere in possesso dei seguenti requisiti:

- almeno 62 anni di età, se uomini, o 57 anni, se donne;
- essere iscritti, al momento della cessazione dell'attività, per almeno cinque anni (anche non continuativi), in qualità di titolari o di coadiutori, alla Gestione dei contributi e delle prestazioni previdenziali degli esercenti attività commerciali;
- aver cessato definitivamente l'attività commerciale a decorrere dal 1° gennaio 2019.

La domanda per l'indennizzo può essere presentata all'Inps direttamente dal cittadino, accedendo al servizio online, oppure tramite i patronati, gli altri intermediari dell'Istituto o il Contact center.

Per maggiori informazioni è possibile consultare la circolare diramata dall'Istituto (leggi qui).
codici-dacci-il-5