Il Tribunale di Milano, con sentenza del 15 gennaio scorso, ha dichiarato il fallimento della Idb Spa, una delle società che ha venduto gli ormai famosi diamanti da investimento, nel suo caso attraverso l'istituto Bpm, e che è stata sanzionata dall'Agcm con l'accusa di aver venduto i preziosi a prezzi molto più alti dell'attuale valore di mercato.

"La nostra Associazione ha presentato un'azione di classe contro la Idb – ricorda il Segretario Nazionale di Codici Ivano Giacomelli – per ottenere il risarcimento danni per i risparmiatori che hanno acquistato diamanti da investimento. Proseguiremo la nostra attività contro la società fallita e contro la banca, ma è chiaro che si apre una nuova questione che richiede un intervento rapido e preciso da parte dei risparmiatori".

"I diamanti custoditi dalla Idb – spiega l'Avvocato di Codici Marcello Padovani – non possono più essere restituiti presentando una semplice richiesta. Adesso con la pendenza di fallimento, i risparmiatori che hanno lasciato i diamanti in deposito presso la società dovranno presentare istanza di insinuazione al passivo, diretta a chiedere al curatore del fallimento la restituzione dei diamanti. Il termine ultimo per presentare la domanda è il prossimo 8 marzo – sottolinea Padovani – quindi invitiamo i risparmiatori che si sono rivolti alla Idb a contattare urgentemente l'Associazione Codici per predisporre la richiesta di restituzione".

I risparmiatori coinvolti possono contattare l'Associazione Codici al numero telefonico 06.5571996 oppure all'indirizzo email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. .
Pubblicato in Economia e Finanza

Altro giro, altra banca.

Pubblicato in Economia e Finanza

Ultimi giorni per aderire all'azione collettiva avviata da Codici nei confronti della Banca Popolare di Bari.

È possibile farlo entro sabato 1° dicembre 2018.

Il modulo è disponibile sul sito internet dell'Associazione e deve essere compilato ed inviato all'indirizzo email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. .

L'azione collettiva è stata avviata da Codici per tutelare i risparmiatori ai quali la Banca Popolare di Bari ha proposto un investimento speculativo, senza metterli in guardia dai rischi che avrebbero potuto correre e senza fornirgli adeguati prospetti informativi. Nell'ultimo anno le azioni hanno subito una svalutazione di oltre il 70%, non ci sono compratori ed il valore dei titoli rischia di azzerarsi.

Il modulo di adesione all'azione collettiva è scaricabile al seguente link https://www.spazioconsumatori.tv/images/media/PDF/bpb%20modulo.pdf.

Per maggiori informazioni e chiarimenti ricordiamo che è possibile contattare l'Associazione Codici al numero 06.5571996 oppure all'indirizzo email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. .

Pubblicato in Economia e Finanza

La pratica commerciale è scorretta. L'ha stabilito l'Autorità Garante per la Concorrenza e il Mercato, l'ha sempre sostenuto l'Associazione Codici e oggi lo ribadisce il Tar del Lazio.

Pubblicato in Economia e Finanza
Un effetto domino preoccupante, con i risparmiatori nel ruolo delle pedine sacrificabili. È quanto sta succedendo nelle Banche Popolari italiane, sempre più nell'occhio del ciclone per una serie di azioni a dir poco spericolate, tutte a favore degli istituti di credito e contro i cittadini.
Pubblicato in Economia e Finanza
Mercoledì, 31 Ottobre 2018 08:25

Codici e TuConFin si uniscono contro Barclays

Novità nel campo delle associazioni dei consumatori. Codici e TuConFin annunciano di aver raggiunto un accordo di collaborazione.
Pubblicato in Economia e Finanza
È disponibile, sul sito internet dell'Associazione Codici, il modulo di adesione all'azione collettiva nei confronti della Banca Popolare di Bari.
Pubblicato in Economia e Finanza
Ora basta. Codici passa alla linea dura nella vicenda della Banca Popolare di Bari. L'associazione ha deciso di avviare un'azione collettiva nei confronti dell'istituto di credito, che ha messo in difficoltà circa 70mila risparmiatori.
Pubblicato in Economia e Finanza
Ci sarà anche l'Associazione Codici al processo per il dissesto della Banca Popolare di Vicenza, che vede imputati il presidente dell'istituto di credito Gianni Zonin e gli ex amministratori Giuseppe Zigliotto, Emanuele Giustini, Andrea Piazzetta, Paolo Marin e Massimiliano Pellegrini, mentre la banca, in liquidazione coatta amministrativa, dovrà rispondere in qualità di responsabile civile.
Pubblicato in Economia e Finanza

I risparmiatori non devono avere alcun onere

Pubblicato in Economia e Finanza
Pagina 1 di 3
codici-dacci-il-5