Giovedì, 18 Ottobre 2018 12:24

Codici: avanti con il Ddl Pillon, la bigenitorialità non può attendere

Vota questo articolo
(3 Voti)

Bene il dialogo, ma non si faccia un passo indietro sul Ddl Pillon. È quanto sostiene l'Associazione Codici in merito agli ultimi sviluppi sul disegno di legge a cui sta lavorando il Governo.

"Apprezziamo la disponibilità del senatore Simone Pillon di fronte alle 118 richieste di audizione ricevute – afferma il Segretario Nazionale dell'Associazione Codici Ivano Giacomelli – ma ci auguriamo che il testo non venga stravolto. Sono anni che l'Italia aspetta una legge che dia, finalmente, pari dignità ai genitori separati, nell'interesse dei figli, e sarebbe inaccettabile cedere proprio ora ai ricatti di chi, tra partiti ed associazioni, pensa solo alle madri, discrimando i padri con rivendicazioni strumentali e anacronistiche".

Le conseguenze del divorzio e della separazione sono drammatiche, non solo per la donna, ma anche per l'uomo. C'è il rischio povertà per la perdita del lavoro, il pericolo di diventare un genitore di Serie B a causa dell'isolamento e, soprattutto, c'è la Pas. È la Sindrome di Alienazione Parentale, una vera patologia, che può portarae anche a gesti estremi.

"Soltanto in Italia – afferma Ivano Giacomelli – ogni anno 200 padri separati si tolgono la vita. Un dato enorme, drammatico. Questi suicidi, però, avvengono nell'indifferenze generale. Ci sono articoli di giornale che riportano studi dell'Organizzazione Mondiale della Sanità, ma il problema del ruolo del padre nel divorzio e nella separazione è ancora marginale".

Entrambi i genitori devono occuparsi dei figli. È quello che chiede, da tempo, l'Associazione Codici. "Si parla tanto di tutele della donna – sottolinea il Segretario Nazionale dell'Associazione Codici – è giusto, ma riteniamo che sia altrettanto giusto, e doveroso, ricordarsi anche degli uomini. Nel Ddl Pillon vediamo elementi che possono portare finalmente alla bigenitorialità, il riconoscimento degli stessi diretti, e naturalmente anche degli stessi doveri, per il padre e per la madre nell'affido, non solo sul piano economico, ma anche nell'educazione e nel percorso di crescita dei figli. Per questi motivi – conclude Ivano Giacomelli – chiediamo al Governo di andare avanti per la sua strada, difendendo questo disegno di legge".

L'Associazione Codici si batte da sempre per la bigenitorialità ed è impegnata con la campagna "Voglio Papà". Per avere informazioni è possibile contattare lo Sportello Legale al numero 06.55.71.996 oppure inviare una email all'indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. .

codici-dacci-il-5