Martedì, 08 Novembre 2016 18:40

Non digitate le vostre password durante una chiamata Skype. Gli hacker sono in grado di risalire ai vostri dati ascoltando il rumore della tastiera

Vota questo articolo
(0 Voti)

Durante una chiamata su Skype, gli hacker più esperti sarebbero facilmente in grado di decodificare da remoto i suoni digitati su una tastiera, riproducendone i testi sottostanti e carpendo così informazioni riservate e dati sensibili.

 

E' quanto afferma uno studio scientifico portato avanti dall'università di Padova, la Sapienza di Roma e l'Università Irvine della California, che rivela come i diversi pulsanti di una tastiera abbiano suoni diversi capaci di ricostruire lo specifico tasto digitato.

Le possibilità di individuare una password, un indirizzo e- mail o un codice digitato al pc sono risultate variabili tra il 42 e il 92% sulla basi di diversi fattori: il tipo di tastiera utilizzata (ad esempio il suono di una lettera su tastiera Macbook risulta diversa da quella digitata su un altro computer) e lo stile di digitazione della persona in questione.
Skype è lo strumento più utilizzato per effettuare chiamate e videoconferenze, soprattutto sul posto di lavoro.
Si stima che professionisti di ogni categoria trascorrano gran parte dell'orario lavorativo in chiamate su internet con colleghi, dirigenti, clienti e aziende straniere. Durante tali chiamate è plausibile che la quasi totalità delle persone continui a svolgere le sue normali attività, come aprire la posta elettronica, controllare il profilo facebook, effettuare operazioni bancarie, pensando di essere al sicuro e lontano da sguardi estranei. Ma mettendo in collegamento mondi e paesi così distanti, aumentano esponenzialmente anche le possibilità di divenire potenziali vittime di astuti hacker che sarebbero in grado di “ascoltare” le chiavi di sicurezza decodificando il suono della tastiera e mettendo in pericolo la privacy di milioni di utenti. Mentre prima si credeva si potesse ottenere tali informazioni soltanto conoscendo lo stile di digitazione dell'altra persona e registrando con appositi strumenti posti nelle vicinanze della tastiera, questo studio ha dimostrato che è possibile effettuare questa operarazione anche da remoto, quindi a chilometri di distanza e con persone sconosciute.
Il pericolo è dietro l'angolo e i nostri dati sensibili non più al sicuro, come possiamo difenderci?
L'associazione Codici invita tutti i consumatori a non digitare informazioni sensibili durante l'utilizzo di Skype o di altri software per le chiamate online oppure utilizzare tastiere olografiche o touch-screen che non permettono di captare alcun suono e mantengono al sicuro le nostre informazioni più riservate da orecchi pericolosi.

Per qualsiasi dubbio o chiarimento è possibile rivolgersi alla nostra associazione scrivendo a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. o contattare lo sportello al numero 065571996.

codici-dacci-il-5