Mercoledì, 27 Giugno 2018 11:14

Facebook e Google manipolano gli utenti nella condivisione dei dati personali

Vota questo articolo
(0 Voti)

La manipolazione di Facebook e Google per farci condividere quante più informazioni possibile su di noi: astuzia del design, impostazioni predefinite invasive della privacy e il "prendi o lascia", negli aggiornamenti sulla privacy delle società.

Con l'implementazione del nuovo regolamento generale sulla protezione dei dati (GDPR – Regolamento UE 679/2016) in tutta Europa, gli Utenti dei servizi digitali si sono confrontati con nuove impostazioni sulla privacy attraverso numerosi messaggi pop-up. Purtroppo, sembra che Aziende come Facebook e Google abbiano poche intenzioni di offrire ai propri utenti scelte vere e proprie.
Il Consiglio Norvegese dei Consumatori ha diffuso oggi il Rapporto Deceived by Design - Ingannato per progettazione. Il Rapporto Deceived by Design esamina le informazioni e i pop-up di consenso che Microsoft, Google e Facebook hanno sottoposto ai propri Utenti nell'ambito dell'attuazione del GDPR – Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati (Regolamento UE 679/2016).
La conclusione della Relazione Ingannato per progettazione è che, mentre questi "pop-up" offrivano agli Utenti diverse scelte e opzioni in merito al consenso all'utilizzo dei loro dati personali, le Aziende utilizzavano numerosi trucchi e tattiche per esortare e spingere i Consumatori a dare il proprio consenso e a condividere quanti più dati possibili per finalità diverse. Tra queste si citano sicuramente impostazioni predefinite e intrusive per la privacy, che sembrano dare agli Utenti l'illusione del controllo sul consenso, ma che nascondono configurazioni nascoste (le cosiddette dark pattern), come l'occultamento delle scelte che favorirebbero il corretto esercizio della privacy e le scelte prendere o lasciare (le cosiddette take-it-or-leave- it).


“Queste aziende ci stanno manipolando per condividere informazioni su noi stessi. Questo denota una mancanza di rispetto nei confronti dei loro Utenti, mentre agirano intorno all'idea di dare realmente ai Consumatori il controllo dei propri dati personali” afferma Finn Myrstad, Direttore dei Servizi Digitali del Consiglio Norvegese Dei Consumatori.
Il Consiglio Norvegese Dei Consumatori, oltre 20 Associazioni di Consumatori in Europa, tra le quali CODICI, A.E.C.I., e negli Stati Uniti e Associazioni a tutela dell’applicazione del GDPR stanno ora chiedendo alle Authority Europee che si occupano della protezione dei dati di indagare se le società agiscono in conformità con le regole del GDPR e degli Stati Uniti.
Queste le perplessità di A.E.C.I. sui consensi richiesti da Facebook e Google
    Manipolato nella condivisione: attraverso l'analisi del Consumer Council sui pop-up delle aziende, è evidente che i Consumatori sono spinti a condividere;
    Impostazioni standard: la ricerca ha dimostrato che gli Utenti cambiano raramente le impostazioni preselezionate. In molti casi, sia Facebook che Google hanno impostato come opzione predefinita la scelta meno adatta alla privacy.
    Scelte ingegnose nel design: la condivisione di dati personali e l'utilizzo di pubblicità targettizzata sono presentati in maniera esclusivamente positiva e pro-consumatore attraverso contenuti e design, spesso unitamente a minacce relative alla perdita di funzionalità se gli Utenti dovessero rifiutare il consenso.
    Layout confuso: le scelte privacy-friendly richiedono un numero significativamente maggiore di clic da raggiungere e sono spesso nascoste.
    Illusione della scelta: in molti casi, i servizi nascondono il fatto che gli Utenti hanno pochissime scelte effettive e che la condivisione completa dei dati è accettata solo utilizzando il servizio. La sensazione di controllo può anche convincere gli Utenti a condividere più informazioni.

Ci aspettiamo che queste Aziende permettano agli Utenti di fare scelte chiare e informate e controllare effettivamente l’utilizzo dei propri dati personali.
Sfortunatamente, non è questo il caso, il che è in contrasto con le aspettative di A.E.C.I., dei Consumatori e con l'intenzione del nuovo regolamento.

•    Il rapporto è disponibile qui: https://www.forbrukerradet.no/undersokelse/no-undersokelsekategori/deceived-by-design
•    GIF e video in "formato raw" sono disponibili qui (gratis): https://www.dropbox.com/home/Deceive%20by%20design
•    guarda qui il video: https://www.youtube.com/watch?v=LRPyTJW_6OA

codici-dacci-il-5