Il Giudice di Pace, nell’ordinamento giudiziario italiano, è un magistrato onorario della Repubblica Italiana. La magistratura di pace è stata introdotta nel nostro ordinamento dalla L. n. 374/1991, come modificata dalla L. 468/1999, al fine di sostituire la figura del “vecchio” giudice conciliatore, nella materia civile. Pertanto, il giudice di pace, succedendo al giudice conciliatore, ne ha ereditato una caratteristica peculiare: ovvero quella di essere un giudice del piccolo contenzioso rendendo possibile una rapida risposta alle richieste di giustizia proprio per le cosiddette controversie minori. Inoltre, si sottolinea il ruolo deflattivo della giustizia di pace, in quanto il legislatore ha istituto la figura del giudice onorario al fine di consentire una riduzione del carico di lavoro dei giudici togati.
Pubblicato in Legalità

E' successo a un bambino di tre anni, in una scuola dell'infanzia di Roma
Pubblicato in Legalità
codici-dacci-il-5