Nella dichiarazione dei redditi 2018 è prevista la possibilità di detrarre il 19% dei premi versati per le assicurazioni sulla vita e contro gli infortuni, in particolare: 

  • per i contratti stipulati o rinnovati entro il 31/12/2000, a condizione che il contratto abbia una durata di almeno 5 anni e non consenta la concessione di prestiti nel periodo di durata minima;
  • per i contratti stipulati o rinnovati dal 2001, a condizione che abbiano ad oggetto il rischio di morte o invalidità permanente non inferiore al 5%.

La detrazione è applicabile anche se i premi sono stati pagati a compagnie assicurative estere. Inoltre, la detrazione spetta anche per i premi versati per le assicurazioni contro gli infortuni relative al conducente auto, stipulate in aggiunta all’ordinaria polizza R.C. auto. 

Soglia massima di detraibilità – L’ammontare del premio pagato non potrà superare la soglia di € 530, anche se sussistono più contratti di assicurazione: questa cifra rappresenta l’importo massimo su cui verrà calcolata la detrazione. 

Documentazione da conservare – È necessario controllare e conservare, ai fini della validità del beneficio: 
  • le ricevute di pagamento dei premi, oppure una dichiarazione rilasciata dall’assicurazione attestante il pagamento degli stessi premi;
  • la copia del contratto di assicurazione, o l’attestazione rilasciata dalla compagnia assicurativa da cui risultino i requisiti richiesti.

Nota bene: Come precisato in premessa, se si tratta di contratti stipulati o rinnovati fino al 31/12/2000, dalla documentazione rilasciata dall’assicurazione deve risultare che non è consentita la concessione di prestiti nel periodo di durata minima.


Federica Muraca
Pubblicato in Fiscal Focus

Anche per gli inquilini è prevista una agevolazione in relazione alle spese sostenute per l’affitto di casa

Pubblicato in Economia e Finanza

Il mercato della telefonia mobile in Italia è rappresentato dai tre gestori principali Wind, TIM e Vodafone.

Pubblicato in Telefonia
L’Associazione CODICI, nel lontano 2006, ha impugnato una delibera sull’approvazione di un contratto di servizio per l’affidamento dell’illuminazione da parte di Acea, il cui ricorso presentato al Tar del Lazio, notoriamente uno dei più lenti d’Italia, ha ricevuto risposta dopo ben undici anni.
Pubblicato in Legalità

Le proposte di Rete Consumatori Italia a M5S e Lega

Pubblicato in Legalità
Giovedì, 17 Agosto 2017 13:05

Voltura contratto energia: come funziona

Che cos’è la voltura?
È la variazione della titolarità di una fornitura da un cliente ad un altro con il medesimo venditore con il quale è possibile negoziare anche nuove condizioni contrattuali, senza interruzione dell’erogazione di energia elettrica e di gas.
Pubblicato in Energia
Che cos’è il subentro?
Pubblicato in Energia
Che cos’è la voltura?
Pubblicato in Energia

A causa della crisi economica, un numero sempre maggiore di famiglie italiane si è vista, nell’impossibilità di continuare a pagare il mutuo o altri debiti, pignorare un proprio alloggio che nel giro di qualche mese viene poi messo all’asta.

Pubblicato in Edilizia e Urbanistica
codici-dacci-il-5