Continua a pieno ritmo la campagna avviata da Codici contro l'ordinanza con cui la Regione Calabria ha imposto l'obbligo del vaccino antinfluenzale per gli over 65 ed il personale sanitario. 

Pubblicato in Sanità
Un’altra imposizione, un’altra battaglia per riaffermare la libertà di scelta.


Dopo la Regione Lazio, anche la Regione Calabria ha stabilito l’obbligo vaccinale per over 65 e personale sanitario. Un’iniziativa giudicata grave dall’associazione Codici, che ha deciso di avviare una campagna per ottenere l’annullamento dell’ordinanza firmata dal Presidente Jole Santelli, come fatto per l’analogo provvedimento adottato dal Governatore Nicola Zingaretti per il Lazio.

“Invitiamo over 65 e personale sanitario – afferma Ivano Giacomelli, Segretario Nazionale di Codici – a aderire alla campagna contro un’ordinanza sbagliata e scientificamente infondata. La vaccinazione antinfluenzale è efficace solo in una quota che varia, a seconda degli studi, tra circa 70% e 85% dei vaccinati. Il vaccino antinfluenzale protegge solo contro i ceppi virali per cui viene allestito annualmente il vaccino e non contro tutti i ceppi circolanti. Il vaccino antinfluenzale non protegge dai virus parainfluenzali, che danno una sintomatologia sovrapponibile a quella influenzale. Infine, proteggere la sola popolazione calabrese non ha significato a livello di immunità di gregge, perché la popolazione da tenere in considerazione è quella nazionale. Senza voler escludere a priori la vaccinazione antinfluenzale quale utile strumento di sanità pubblica, ed anzi auspicando che si possa raggiungere presto il target OMS degli immunizzati ultrasessantacinquenni, non c'è base scientifica per rendere obbligatoria tale vaccinazione, soprattutto se la si vuole utilizzare quale discrimen verso le infezioni da SARS-CoV-2, che, per quanto se ne sa oggi, può coesistere con altre infezioni respiratorie, sia virali che batteriche, aggravandone anche il decorso”.

Per partecipare alla campagna contro l’obbligo vaccinale imposto dalla Regione Calabria è possibile inviare un’email a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. o scaricare l'apposito modulo.
Pubblicato in Sanità

I rifiuti diminuiscono, ma le discariche aumentano.

 

Pubblicato in Rifiuti

L'Associazione Codici chiede che venga fatta chiarezza sul presunto caso di malasanità all'ospedale di Locri.

Pubblicato in Sanità

Il massiccio dell'Aspromonte è un parco nazionale ancora oscuro ai turisti. Questo spazio possiede più di 65 mila ettari di biodiversità, 1.500 specie diverse e 37 comuni dove il tempo sembra essersi fermato e si respira un'aria quasi preistorica.

Pubblicato in Spazio Relax

Ad appena 24 ore dal risarcimento imposto al Ministero della Salute dal Tribunale di Firenze per i familiari di una maestra di Pisa, deceduta a causa di una trasfusione di sangue infetto, a Cosenza venivano sequestrate ben sette sale operatorie dei reparti di chirurgia generale e ortopedia, perché i controlli hanno evidenziato rischi di contaminazione a causa delle scarse condizioni igieniche

Pubblicato in Sanità

LAUREANA DI BORRELLO. Continua la battaglia dell'Osservatorio sulla sicurezza stradale della SS106 Jonica che, come si ricorda, è nato dalla collaborazione dell'associazione  Codici con l'associazione Amici di Raffaele Caserta.

Pubblicato in Trasporti

Sempre più gravosa la spesa per acquistare zaini, astucci e cancelleria

Pubblicato in Consumi

Carenza di personale, negligenza e macchinari mancanti o non funzionanti. E’ una catena senza fine quella della malasanità in Calabria. L’ultima vittima è una donna milanese che si trovava a Tropea per una vacanza

Pubblicato in Sanità

Carenza di personale, negligenza e macchinari mancanti o non funzionanti. E’ una catena senza fine quella della malasanità in Calabria. L’ultima vittima è una donna incinta al sesto mese di gravidanza di due gemelli, anche loro morti

Pubblicato in Sanità
Pagina 1 di 2
codici-dacci-il-5