Venerdì, 22 Maggio 2020 13:43

Siti e imprese, controlli e interventi dell'Ivass

Vota questo articolo
(0 Voti)

Continua, senza sosta, l'opera di controllo dell'Istituto per la Vigilianza sulle Assicurazioni.Il 

Negli ultimi giorni, l'Ivass ha infatti messo a segno due importanti interventi.

Il primo riguarda la segnalazione di sei siti internet irregolari, attraverso cui i clienti hanno ricevuto polizze false, con i relativi veicoli non assicurati.

Si tratta dei portali:
www.2m-assicurazioni.com

www.polatoassicurazione.com
www.bergnassicura.com

www.polizzerca.net
www.economyassicura.com

www.veraassicurazione.com

L'IVASS raccomanda di adottare le opportune cautele nella valutazione di offerte assicurative via internet o telefono (anche via WhatsApp), soprattutto se di durata temporanea.

In particolare, l'IVASS consiglia ai consumatori di controllare, prima del pagamento del premio, che i preventivi e i contratti siano riferibili a imprese e intermediari regolarmente autorizzati e di consultare sul sito www.ivass.it:

  • gli elenchi delle imprese italiane ed estere ammesse ad operare in Italia (elenchi generali ed elenchi specifici per la r. c. auto, italiane ed estere)
  • il Registro unico degli intermediari assicurativi (RUI) e l'Elenco degli intermediari dell'Unione Europea;
  • l'elenco degli avvisi relativi ai Casi di contraffazione, Società non autorizzate e Siti internet non conformi alla disciplina sull'intermediazione;


L'IVASS sottolinea, in particolare, che i pagamenti dei premi effettuati a favore di carte di credito ricaricabili o prepagate sono irregolari e che sono irregolari anche i pagamenti effettuati a favore di persone o società, non iscritte negli elenchi sopra indicati.

I consumatori possono chiedere chiarimenti ed informazioni al Contact Center Consumatori dell'IVASS al numero verde 800-486661 dal lunedì al venerdì h. 8.30 - 14.30.

I siti internet o i profili Facebook (o di altri social network) degli intermediari italiani che svolgono attività on-line devono sempre indicare:

a) i dati identificativi dell'intermediario;

b) l'indirizzo della sede, il recapito telefonico, il numero di fax e l'indirizzo di posta elettronica certificata;

c) il numero e la data di iscrizione al Registro unico degli intermediari assicurativi e riassicurativi nonché l'indicazione che l'intermediario è soggetto al controllo dell'IVASS.

I siti o i profili Facebook (o di altri social network) che non contengono le informazioni sopra riportate non sono conformi alla disciplina in tema di intermediazione assicurativa ed espongono il consumatore al rischio di stipulazione di polizze contraffatte.

Per gli intermediari dello Spazio Economico Europeo (SEE) abilitatati ad operare in Italia il sito internet deve riportare, oltre ai dati identificativi, il numero di iscrizione nel Registro dello Stato membro di origine, l'indirizzo di posta elettronica, l'indicazione dell'eventuale sede secondaria e la dichiarazione di abilitazione all'esercizio dell'attività in Italia con l'indicazione dell'Autorità di vigilanza dello Stato membro di origine.

Il secondo intervento è legato all'Autorità di vigilanza rumena Autoritatea de Supraveghere Financiară (ASF), che ha pubblicato sul proprio sito (https://asfromania.ro) i risultati del controllo svolto sulla Societatea de asigurare reasigurare city insurance S.A., impresa di assicurazione abilitata ad esercitare in Italia, senza una sede stabile, in diversi rami danni, tra cui il ramo 15 – Cauzione.

L'ASF informa di aver riscontrato violazioni alle norme sulla metodologia di calcolo delle riserve tecniche e di aver imposto alla suddetta compagnia una sanzione di 100.000 RON (corrispondente a circa 20.600 euro).

ASF ha anche imposto alla compagnia l'obbligo di attuare entro la fine del 2020 misure di natura operativa e prudenziale per porre rimedio alle carenze relative alle modalità di liquidazione dei sinistri e di riduzione dei livelli di rischio identificati.

Il precedente aggiornamento sulla City Insurance s.a. era del 27 luglio 2016.

Per ulteriori informazioni si rinvia al comunicato (in lingua inglese) pubblicato sul sito dell'ASF: https://asfromania.ro/en/press-releases/media-releases/7072-the-decisions-adopted-by-the-board-of-the-financial-supervisory-authority-01-04-2020

I consumatori possono chiedere chiarimenti ed informazioni al Contact Center dell'IVASS, numero verde 800-486661 dal lunedì al venerdì dalle 8:30 alle 14:30.

codici-dacci-il-5