Ci risiamo. Ancora un comunicato firmato Msc in totale spregio alla normativa Comunitaria ed al Codice del Turismo.

Pubblicato in Trasporti

Ancora un'iniziativa nei confronti della Msc Bellissima.

Pubblicato in Trasporti
Bellissima di nome, ma non di fatto. È la crociera targata Msc, che, alla luce dell’emergenza Coronavirus, ha cancellato le tappe previste in Oman per il viaggio programmato per il 7 marzo scorso.


Peccato che la compagnia abbia avvisato i crocieristi soltanto pochi giorni prima della partenza, infliggendo pesantissime penali a chi ha deciso di annullare la vacanza. Risultato? Viaggiatori infuriati e decine di segnalazioni all’associazione Codici, che ha avviato una class action per il rimborso integrale della crociera ed il risarcimento del danno.

Viaggiatori avvisati in ritardo

“Fin dall’ultima settimana di febbraio – dichiara l’avvocato Ivano Giacomelli, Segretario Nazionale di Codici – sul sito Viaggiare Sicuri della Farnesina era possibile leggere le misure restrittive adottate dalle autorità locali che rendevano impossibile lo sbarco in Oman per le compagnie di crociera. Nonostante i reiterati solleciti da parte dei viaggiatori per avere conferma di possibili variazioni, Msc ha informato i crocieristi delle modifiche solo poche ore prima della partenza, in alcuni casi la comunicazione non è stata nemmeno effettuata, e non li ha avvisati del diritto di recedere dal contratto, come previsto dal Codice del Turismo e dal contratto della stessa compagnia”.

Class action per rimborso e risarcimento

Da qui la protesta dei crocieristi. In tanti si sono rivolti all’associazione Codici, che si è subito attivata per fornire assistenza. “Un altro aspetto grave della vicenda – afferma l’avvocato Stefano Gallotta, Responsabile del Settore Trasporti e Turismo di Codici – è che di fronte alla richiesta formale di rinuncia al viaggio e di restituzione delle somme versate a causa della variazione del pacchetto turistico, legittimamente avanzata da una cinquantina di crocieristi che si sono rivolti alla nostra associazione, la compagnia ha rifiutato ogni restituzione degli importi senza alcuna giustificazione, disattendendo così quanto previsto dall’articolo 40 del Codice del Turismo e dalle stesse condizioni generali del contratto di viaggio della Msc. Peraltro – prosegue il legale – a causa del grave ritardo nell’invio degli avvisi sulla modifica della vacanza, pur sollecitato da alcuni viaggiatori anche a mezzo Pec, alcuni di loro hanno ricevuto la comunicazione quando ormai erano già a Dubai e così, nonostante la scelta della loro crociera fosse mirata innanzitutto a visitare l’Oman, non hanno potuto fare altro che accettare un nuovo itinerario che, di fatto, prevedeva solo le tappe ripetitive negli Emirati Arabi Uniti. Anche in favore di questi viaggiatori, nei confronti dei quali Msc non ritiene di riconoscere alcun importo per riduzione del prezzo e danno da vacanza rovinata, proporremo iniziative giudiziarie parallele alla class action, essendo evidenti le violazioni contrattuali poste in essere dalla compagnia. Il comportamento di Msc è gravissimo – conclude l’avvocato Gallotta – considerando anche la decisione di applicare le penali di recesso, ignorando il diritto del viaggiatore di recedere dal contratto senza corrispondere alcuna spesa. Siamo pronti a dare battaglia in tutte le sedi per ottenere il rimborso del pacchetto ed il risarcimento dei danni, ritenendo inaccettabile che una compagnia importante come la Msc operi in totale spregio delle normative vigenti, violando i sacrosanti diritti di clienti che le avevano dato fiducia per un’occasione di viaggio onerosa e difficilmente ripetibile”.

Info e assistenza

Per richiedere assistenza, i crocieristi possono contattare l’associazione Codici inviando un messaggio al numero WhatsApp 338.48.04.415 oppure scrivendo un’email a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. .
Pubblicato in Cronaca
L'associazione Codici stigmatizza il comportamento della Msc in merito alle crociere negli Emirati Arabi. La compagnia sta variando gli itinerari senza informare in maniera adeguata i consumatori.

Pubblicato in Trasporti

Si chiama Dorian ed è l'uragano che si sta avvicinando alla Florida, dove è stato dichiarato lo stato di emergenza.

Pubblicato in Trasporti
Ancora una vittoria per i turisti difesi da Codici. In questo caso è il Giudice di Pace di Paola ad accogliere le richieste presentate per una coppia di crocieristi (lei originaria di San Cesario di Lecce) dagli avvocati Stefano Gallotta, responsabile regionale e del settore Vacanze di Codici, e Nicolina Manes, condannando Costa Crociere a 4.000,00 euro oltre interessi e spese legali.
Pubblicato in Cronaca
Sono decine i messaggi che stanno arrivando allo Sportello Whatsapp 338.4804415 allestito dall'Associazione Codici per raccogliere le segnalazioni di chi ha prenotato una crociera con Msc Armonia desideroso di visitare Cuba e poi ha scoperto che la tappa a L'Avana è saltata in seguito allo stop imposto dagli Usa verso l'isola.
Pubblicato in Cronaca

A seguito del blocco della navigazione dagli Usa verso Cuba, disposto dall'amministrazione Trump, la Msc ha modificato l'itinerario della crociera a bordo della Msc Armonia, sostituendo la meta determinante nella scelta della vacanza, ossia i due giorni di scalo a L'Avana, con un giorno di navigazione e una tappa a Key West alternata con Costa Maya in Messico, offrendo così un pacchetto turistico di qualità e costo decisamente inferiore rispetto a quello pagato dai croceristi.

Pubblicato in Cronaca

Dopo il prevedibile blocco della navigazione dagli Usa verso Cuba, disposto nei giorni scorsi dall'amministrazione Trump, le compagnie di crociera operanti nei Caraibi sono state costrette a modificare i propri itinerari di viaggio ed a rinunciare allo scalo a L'Avana.

Pubblicato in Cronaca
codici-dacci-il-5