Il consiglio é di rispondere subito, con raccomandata A.R. al mittente e, per conoscenza, al fornitore, facendo riferimento al vostro numero di PDR e al contratto di fornitura, indicati sulle bollette. 

Anche se il Ministero non lo ammette, quando viene interpellato alla Camera, a Milano i contatori illegali di energia elettrica continuano a venire sequestrati.