Giovedì, 05 Dicembre 2019 09:00

Come curare gli infortuni sportivi

L’attività sportiva di qualunque genere espone ad una serie di rischi legati al movimento, al contatto e all’ambiente.

Pubblicato in Scienza e Salute

Nella dichiarazione dei redditi 2018 è prevista la possibilità di detrarre il 19% dei premi versati per le assicurazioni sulla vita e contro gli infortuni, in particolare: 

  • per i contratti stipulati o rinnovati entro il 31/12/2000, a condizione che il contratto abbia una durata di almeno 5 anni e non consenta la concessione di prestiti nel periodo di durata minima;
  • per i contratti stipulati o rinnovati dal 2001, a condizione che abbiano ad oggetto il rischio di morte o invalidità permanente non inferiore al 5%.

La detrazione è applicabile anche se i premi sono stati pagati a compagnie assicurative estere. Inoltre, la detrazione spetta anche per i premi versati per le assicurazioni contro gli infortuni relative al conducente auto, stipulate in aggiunta all’ordinaria polizza R.C. auto. 

Soglia massima di detraibilità – L’ammontare del premio pagato non potrà superare la soglia di € 530, anche se sussistono più contratti di assicurazione: questa cifra rappresenta l’importo massimo su cui verrà calcolata la detrazione. 

Documentazione da conservare – È necessario controllare e conservare, ai fini della validità del beneficio: 
  • le ricevute di pagamento dei premi, oppure una dichiarazione rilasciata dall’assicurazione attestante il pagamento degli stessi premi;
  • la copia del contratto di assicurazione, o l’attestazione rilasciata dalla compagnia assicurativa da cui risultino i requisiti richiesti.

Nota bene: Come precisato in premessa, se si tratta di contratti stipulati o rinnovati fino al 31/12/2000, dalla documentazione rilasciata dall’assicurazione deve risultare che non è consentita la concessione di prestiti nel periodo di durata minima.


Federica Muraca
Pubblicato in Fiscal Focus