Sabato, 29 Ottobre 2016 12:31

Insetti alieni invadono i nostri campi

Vota questo articolo
(0 Voti)

“Grazie” al villaggio globale ed ai cambiamenti climatici in atto sul nostro pianeta, la nostra agricoltura da qualche tempo sta subendo attacchi letali.

 

Il villaggio globale, inteso come scambio intenso e continuo di merci e prodotti agroalimentari provenienti da ogni angolo del pianeta, ci ha “regalato” la zanzara tigre originaria del Sud est asiatico, la Leishmaniosi e la blue tongue africana per i nostri animali e per la nostra agricoltura sono arrivati parassiti letali tra cui: la Popillia Japonica, la Drosophila suzukii, la Dryocosmus kuriphilus, la Xylella, la Leptoglossus occidentalis Heidemann e il Cinipide, vespa killer cinese letale per i nostri castagneti. Ora è arrivato un altro flagello: la cimice marmorata asiatica, che da qualche giorno sta invadendo campagne e abitazioni del Nord Italia in particolare: Piemonte, Lombardia e tutto il Triveneto. Questo insetto sta devastando intere coltivazioni di pere, mele, uva, kiwi, soia e mais. (*)
Certamente l’arrivo ( con pochi controlli sanitari ) di prodotti agroalimentari provenienti soprattutto dall’Asia, ha permesso l’invasione in Europa di questi parassiti alieni, tuttavia lo sviluppo esponenziale di queste popolazioni di alieni è stato possibile anche e soprattutto a particolari condizioni climatiche favorevoli.
Nel passato, parliamo di 40/30 anni fa, dalle navi che portavano prodotti agricoli dal lontano oriente arrivavano anche insetti pericolosi per la nostra salute e per la nostra agricoltura, ma gli inverni rigidi finivano per sterminarli tutti. Da circa 20 anni ad oggi invece gli inverni rigidi sono rimasti un ricordo, prevalgono invece inverni tiepidi e autunni caldi e umidi. Un cocktail climatico ottimo per batteri, funghi e insetti originari di foreste e campagne calde e umide tropicali.
Quando si parla di riscaldamento lento e graduale del pianeta e dei conseguenti cambiamenti climatici, la gran parte delle persone pensa che in futuro avremo più caldo e che ci saranno più temporali violenti ed estate siccitose, ma tutto sommato ciò non ci impedirà di continuare a vivere “tranquilli”. Purtroppo non è così semplice e scontato: la realtà è più drammatica di quanto si possa pensare. In questo inesorabile cammino verso i 2 gradi centigradi di calore terrestre previsti per il prossimo futuro, si accavalleranno fenomeni negativi su fenomeni negativi, dai danni all’ambiente naturale e alla agricoltura in genere, dovremo vedercela con malattie nuove e crisi economiche devastanti e, in alcuni angoli del pianeta, con l’esplosione di nuove guerre per accaparrarsi le ultime riserve d’acqua.
Ecco perché il prossimo incontro mondiale a novembre sul clima a Marrakech, dovrebbe mettere in atto quanto è stato stabilito un anno fa a Parigi. Tentennamenti, bizantinismi vari e rinvii nel prendere serie decisioni sul problema della mitigazione climatica potrebbero decretare un disastro senza precedenti per tutta l’umanità.


insetti


(*) E’ stata la Coldiretti la prima associazione di categoria a lanciare l’allarme sulla cimice marmorata asiatica. Per la Coldiretti questo è un insetto particolarmente pericoloso per l’agricoltura perché prolifica depositando uova almeno due volte all’anno con 300-400 esemplari a volta. A favorirne la diffusione - sottolinea Coldiretti - è stato un autunno particolarmente caldo, con la moltiplicazione degli esemplari che non hanno in Italia antagonisti naturali. Un problema che rende molto difficile la lotta all’insetto che da adulto è in grado di volare per lunghe distanze alla ricerca del cibo e sverna come adulto in edifici o in cassette e anfratti riparati per poi raggiungere in primavera le piante per alimentarsi, accoppiarsi e deporre le uova. La lotta per ora - osserva Coldiretti - può dunque avvenire solo attraverso protezioni fisiche come le reti anti insetti a protezione delle colture perché non è possibile importare insetti antagonisti dalla Cina per motivi sanitari.