Lenticchie gustose con polenta grigliata (senza glutine & vegan)

Vota questo articolo
(0 Voti)

Potrebbe sembrare un piatto prettamente invernale ma io le lenticchie le mangio tutto l'anno perché mi piacciono moltissimo.

Anche la polenta non è un piatto invernale, anzi si mangia molto anche in estate soprattutto nei crotti in montagna o sul lago, nelle baite e rifugi.

Non so se è consuetudine anche in altre zone ma in Lombardia i crotti sono molto frequentati anche nei mesi estivi, addirittura a Ferragosto non si trova posto se non si prenota con largo anticipo.

E la polenta è sicuramente la regina dei crotti, dove viene cucinata nel classico paiolo di rame direttamente sul fuoco e poi servita con piatti di carne in umido o con il cotechino.

Però secondo me non c'è nulla di più gustoso della "polenta uncia" ovvero polenta unta, condita con diversi formaggi semi grassi e d'alpeggio, con aggiunta di burro fuso con salvia e aglio (non tutti lo mettono) una vera delizia.

Per cucinare questa ricetta ho usato lenticchie piccole toscane e farina di mais biologica macinata grossa bergamasca.

Vi do un suggerimento per conservare la polenta in eccedenza, visto che io ne preparo sempre in abbondanza e una volta cotta ne verso una parte in un contenitore di vetro rettangolare.

Una volta raffreddata potete affettarla senza problemi e grigliarla o ripassarla in padella con il condimento che preferite.

Io la lascio qualche minuto sotto il grill e la condisco con un filo di olio extra vergine d'oliva, è squisita anche così.

Anche le lenticchie avanzate si possono usare per preparare gustosi piatti come burger o creme da spalmare.

Ma ora vi dico come cucino io le lenticchie.

INGREDIENTI:

* lenticchie piccole gr. 500

* carote cipolla sedano

* olio di arachidi 4 cucchiai

* foglie di salvia 4

* passata di pomodoro 1 bicchiere

* vino rosso ½ bicchiere

* maizena 1 cucchiaio colmo

* acqua 1l +

* fette di polenta q.b.

Mettete le lenticchie in un colino e lavatele.

Affettate 2 carote, un gambo di sedano e una cipolla poi fate stufare insieme alle foglie di salvia o 2 di alloro, con l'olio di arachidi in un tegame dai bordi alti (io nel tegame di terracotta).

Mettete a bollire l'acqua.

Quando le verdure sono morbide versate le lenticchie ben scolate, mescolate e fate insaporire.

Alzate la fiamma e versate il vino rosso, mescolate e fate evaporare.

Mettete un cucchiaio di maizena (serve ad addensare)e mescolate bene senza fare grumi, poi versate la passata di pomodoro e mescolate bene.

Versate l'acqua bollente coprendo le lenticchie e lasciate cuocere per circa un'oretta.

Lasciate la riserva di acqua a bollire lentamente, nel caso le lenticchie dovessero asciugare troppo aggiungetene un po' per volta salando verso la fine e mantenendo una consistenza densa e cremosa.

Se le preferite più brodose invece aggiungete il liquido necessario per ottenere la consistenza che desiderate.

Nel frattempo grigliate le fette di polenta

Quando le lenticchie sono pronte servitele in una ciotola di terracotta con due fettine di polenta grigliata a testa.

NOTE:

Per insaporire le verdure potete usare la salvia o l'alloro, entrambi sono ottimi.

Le lenticchie sono squisite anche mangiate da sole.

Per la polenta va bene qualsiasi farina di mai giallo, se necessario senza glutine.