Gnocchi di zucca con cavolfiore e rosmarino (senza glutine & vegan)

Vota questo articolo
(0 Voti)

Che bello svegliarsi, aprire le finestre e vedere il cielo blu e limpido senza ombra di nuvole, mette subito di buon umore.

Fortunatamente mi sveglio sempre di buon umore anche se piove, fa parte del mio carattere, posso cantare, saltare, ballare e fare lunghi discorsi.

Troverei difficile la convivenza con i lunatici e con chi appena sveglio non parla, non sorride e ha bisogno di un paio d'ore per essere operativo.

Non sto parlando naturalmente di chi ha evidenti problemi come possono essere quelli di salute o di sopravvivenza, ma di persone che non hanno nessun tipo di complicazioni, sono solo scontrose.

E voi come siete appena alzati?

Ieri mattina ero fuori e improvvisamente mi è venuta l'idea di preparare degli gnocchi di zucca, perché mi sono ricordata che avevo avanzata della zucca già cotta dalla sera precedente.

Detto fatto, appena rientrata a casa mi sono messa all'opera (erano le 11.30) e per pranzo gli gnocchi erano pronti.

Devo confessare che mio marito ha preparato il condimento; del cavolfiore saltato in padella con cipolla e rosmarino, dove poi sono stati aggiunti gli gnocchi cotti e lasciati ben insaporire.

Erano davvero ottimi, consistenza perfetta e sapore gustoso ma molto delicato.

Se volete provare a rifarli ecco qui la ricetta.

INGREDIENTI:

GNOCCHI

per 3-4 porzioni

* zucca cotta gr. 450

* farina di riso gr. 220

* farina di grano saraceno gr. 80

* sale q.b.

CONDIMENTO

* cavolfiore ½ (cotto al vapore)

* rosmarino 1 rametto

* cipolla 1 piccola

* olio EVO 4 cucchiai + q.b.

* sale q.b.

Si parte dalla zucca cotto, che potete cuocere al vapore o in forno, io come sempre cuocio al vapore.

Schiacciatela quando è ancora calda poi lasciatela intiepidire.

Salatela secondo il vostro gusto, poi aggiungete le farine un po' alla volta, mescolando prima con una forchetta, poi quando l'impasto diventa più sodo iniziate ad impastare a mano.

Aggiungete farina fin quando il vostro impasto diventa compatto e non si attacca più alle mani.

Sulla spianatoia o un largo tagliere di legno, tagliate delle fette, arrotolatele fino ad ottenere dei salsicciotti lisci e regolari.

Tagliateli poi a pezzetti di circa 1 cm, tenendo il piano infarinato e rigateli passandoli sui rebbi di una forchetta.

Oppure come ho preferito fare io oggi, premeteli leggermente incrociando, sempre con i rebbi per formare un disegno, ottenendo così degli gnocchi di forma più tonda e piatta.

Disponeteli su una vassoio infarinato fino al momento della cottura.

Nel frattempo (se avete un aiuto chef tanto meglio!) tagliate la cipolla a fettine sottile, fatela stufare in una padella capiente con l’olio extra vergine di oliva e il rosmarino tritato, facendo attenzione a non bruciarla, eventualmente aggiungete un filo di acqua.

Fatela appassire poi aggiungete il cavolfiore cotto ridotto a cimette, salate e lasciate ben insaporire e riscaldare.

Intanto avrete messo a bollire una pentola con abbondante acqua, quando bolle salate e versate gli gnocchi pochi alla volta, sono pronti quando salgano a galla, lasciateli bollire ancora un minuto poi prelevateli con una schiumarola e aggiungeteli al cavolfiore.

Continuate fin quando avete cotto tutti gli gnocchi, lasciateli insaporire e riscaldare bene, quindi divideteli nei piatti ben caldi, irrorate con un filo di olio evo e servite.