Gnocchi di barbabietola alla salvia e limone (senza glutine & vegan)

Vota questo articolo
(1 Vota)

La scorsa stagione le mie piante di peperoncino non hanno dato molti frutti, purtroppo.

Io, che di peperoncini sono golosa e ne consumo in gran quantità, sono rimasta delusa perché speravo invece di seccarne in abbondanza e poterli conservare per tutta la stagione invernale.

Sono riuscita a consumarne un po' freschi, che secondo me sono impareggiabili per gusto e consistenza, si sente infatti la polpa anche se sono piccoli.

Soprattutto l'Habanero e il Naga Morich, che è uno dei peperoncini più piccanti al mondo, freschi mi piacciono tantissimo, l'Habanero poi ha un sapore così particolare ed il mio preferito.

Più sono piccanti e più mi piacciono, e quando li mangio mi pizzicano persino le orecchie, senza contare naso e occhi che lacrimano!

Fortunatamente la stagione precedente le mie piante hanno prodotto così tanti frutti da riempire due sacchetti che ho poi congelato, e quindi quest'inverno non sono rimasta senza.

Ora però sono rimasti gli ultimi due, un Habanero Chocolate e un Naga, come farà nei prossimi mesi?

Mentre ci penso preparo qualche ricetta sfiziosa, facile, salutare e allegramente colorata, come gli gnocchi alla barbabietola.

Con queste dosi potete fare circa 3 porzioni.

INGREDIENTI:

* barbabietola cotta gr. 350

* farina di riso gr. 160

* farina di grano saraceno gr. 50

* sale q.b.

* salvia 6 foglie

* olio evo ml. 40

* scorza di limone grattugiata

Cuocete le barbabietole al vapore, fatele raffreddare poi frullatele per ridurle in crema.

In una ciotola mettete la purea di barbabietole, aggiungete le farine e un pizzico di sale e mescolate con una forchetta, poi quando l'impasto si fa più compatto versatelo sulla spianatoia e impastatelo a mano fin quando diventa liscio, solido e non più appiccicoso.

La quantità di farina è leggermente approssimativa e potrebbe volercene ancora un po', soprattutto mentre impastate a mano.

Una volta ottenuto un bel panetto lavorabile tagliate delle fette e rotolatelo sulla spianatoia per ottenere un salsicciotto grosso poco più di un dito.

Tagliatelo a fette di 1 cm. o poco più, rigatele con la forchetta o con un riga gnocchi, o se preferite potete lasciarli lisci.

Cuoceteli pochi alla volta in abbondante acqua bollente salata.

Quando salgano a galla sono pronti, ma io li lascio cuocere ancora un minuto circa.

Nel frattempo scaldate l'olio con le foglie di salvia, in un pentolino, facendo insaporire e lasciando dorare le foglie.

Quando gli gnocchi sono cotti prelevateli con una schiumarola, disponeteli nei piatti caldi e conditeli con l'olio caldo, due foglie di salvia croccante e un cucchiaino di buccia di limone.

Sono squisiti!