Pane proteico di piselli e canapa (senza glutine & vegan)

Vota questo articolo
(0 Voti)

La prima colazione si sa, deve essere sostanziosa ma anche salutare e digeribile, meglio se povera di zuccheri raffinati.

Per esempio, la vostra colazione da cosa è composta?

Fate colazione vero?

Io ho sempre fatto colazione, anche quando mi è capitato di uscire all'alba, mangiando indifferentemente dolce o salato.

Posso dire di preferire senza dubbio il salato, anche se valutando bene di salato c'è poco, infatti la mia colazione consueta è composta di 3 noci, una banana e del pane integrale, o di segale o comunque rustico, mai raffinato.

Non ricordo nemmeno più l'ultima volta che ho mangiato del pane bianco, sicuramente anni fa.

Ultimamente però mi sembrava di consumare troppi carboidrati, soprattutto farinacei anche se salutari essendo integrali.

Per questo ho deciso di preparare un pane proteico usando la farina di piselli e la farina di semi di canapa.

La farina di piselli è un alimento piuttosto energetico; le calorie sono fornite essenzialmente dai carboidrati ma sono presenti buone dosi di proteine a medio valore biologico. La quantità di lipidi è invece estremamente contenuta.

Nella farina di piselli ci sono apprezzabili concentrazioni di inulina e pectina, che hanno la capacità di abbassare il colesterolo, di prevenire la stipsi, di moderare l'indice glicemico e hanno inoltre proprietà probiotica.

La farina di canapa invece apporta oltre il 21% di calorie in meno rispetto alla farina di frumento di tipo 00.

Queste calorie però sono anche frazionate in maniera differente, visto che nella farina di canapa ben il 49,5% dell'energia proviene dalle proteine, a differenza della farina di frumento, dove l'89% delle calorie viene fornito dai carboidrati complessi.

Una delle proprietà più interessanti della farina di canapa è la ricchezza di Omega 3 e 6, acidi grassi estremamente importanti per il nostro benessere, tra l'altro si trovano in proporzioni ottimali.

Inoltre sono presenti gli 8 amminoacidi essenziali, che fanno della farina di canapa un'ottima fonte proteica vegetale, preziosa per chi segue una dieta vegetariana o vegana.

La farina di canapa è anche ricca di fibre, di sali minerali e vitamine.

Questo pane è quindi indicato per la colazione, e iniziare la giornata con una buona dose di energia salutare e gustosa.

Ecco come preparare il pane proteico.

INGREDIENTI:

* farina di piselli gr. 350

* farina di semi di canapa gr. 150

* acqua tiepida ml. 500

* farina di semi di lino gr. 10

* lievito di birra secco 1 bustina

* zucchero integrale 1 cucchiaino

* sale integrale 1 cucchiaino

* semi di girasole gr. 50

In un contenitore adatto versate la farina di piselli, la farina di canapa e quella di semi di lino e miscelate.

Verificate che le farine che acquistate siano senza glutine.

Intiepidite l'acqua a 40-45° sciogliete il lievito e lo zucchero e aggiungetelo lentamente alle farine.

Aggiungete anche i semi di girasole, tenendo da parte un cucchiaio per decorare la superficie e il sale e mescolate bene.

Dovete ottenere un impasto morbido e cremoso.

Foderate con carta da forno uno stampo da plumcake, versate l’impasto e livellate, poi distribuite sulla superficie i semi di girasole rimasti.

Coprite con un canovaccio caldo per favorire la lievitazione, poi sistematelo nel forno intiepidito a 40° poi spento, ma con la lampadina accesa.

Lasciate lievitare fino al raddoppio, circa 30-45 minuti.

Preriscaldate il forno statico a 200°.

Infornate e cuocete così per 10 minuti, poi abbassate a 180° e cuocete ancora 20 minuti, quindi estraete il pane dallo stampo, appoggiatelo con la carta sulla griglia del forno e terminate la cottura per altri 15 minuti sempre a 180°.

Una volta cotto e raffreddato si mantiene soffice per una settimana appoggiato su un tagliere di legno e coperto con un canovaccio.

NOTE:

  • Al posto del lievito di birra secco potete usare quello fresco, circa metà di un cubetto.
  • Sarebbe meglio che la temperatura dell’acqua fosse tra i 40° e i 45°
  • Non superate i 60 minuti di lievitazione perché l’impasto potrebbe sgonfiarsi una volta in forno.
  • Riscaldare lo stampo prima di versare l’impasto favorisce la lievitazione.
  • Un pentolino di acqua nel forno mantiene morbido il pane durante la cottura.