Pane di patate tipo irlandese (senza glutine & vegan)

Vota questo articolo
(0 Voti)

Se cercate la ricetta del pane di patate irlandese, ne troverete a decine e tutte diverse l’una dall’altra.

Chi uso lo yogurt, chi usa il latte, chi invece burro, ci addirittura sia burro che strutto e chi invece delle patate vere utilizza i fiocchi.

Io che amo il cibo naturale ma gustoso, ho cercato di trovare un compromesso per realizzare un pane senza glutine e anche vegan con ingredienti naturali.

Il risultato è un pane morbido e saporito, e anche piuttosto veloce e semplice da preparare.

Inoltre la cottura in padella semplifica ancora di più la cottura, e la rende più facile anche quando fa caldo visto che non è necessario accendere il forno.

In realtà è stata mia figlia a chiedermi di realizzare questo pane, perché quando era a Londra lo mangiava sempre e le piaceva molto (allora forse lo mangiava con il glutine!).

Direi che è stato davvero semplicissimo.

Ecco cosa vi serve per preparare 6 dischi di pane di patate.

INGREDIENTI:

* mix per pane GF gr. 130

* patate cotte al vapore gr. 130

* acqua tiepida gr. 50

* succo di limone 1 cucchiaino

* bicarbonato ½ cucchiaino

* sale ½ cucchiaino (o meno se volete)

* olio extra vergine di oliva 1 cucchiaio

Schiacciate la patata ancora calda unendo l’olio e il sale, amalgamate.

In una ciotola mettete l’acqua tiepida (circa 35°) versate al centro il bicarbonato e il succo di limone, vedrete che spumeggia per qualche istante.

Terminata la reazione aggiungete la farina a cucchiaiate mescolando per incorporare, quindi aggiungete la patata ed amalgamate bene.

Avrete ora un impasto sodo ma leggermente appiccicoso (o forse no…)

Mettetelo in un contenitore con coperchio e lasciatelo riposare per 20-30 minuti in luogo tiepido (io sopra la caldaia).

Trascorso il tempo di riposo riprendete il panetto e dividetelo in 6 parti uguali, poi stendeteli tra due fogli di carta forno con il mattarello, cercando di ottenere dei dischi regolari con i bordi lisci.

Scaldate bene una padella antiaderente senza aggiungere nulla, poi cuocete i dischi uno alla volta, girandoli un paio di volte fin quando sono leggermente dorati e un po’ gonfiati.

Quando mettete il disco in padella alzate la fiamma, ma poi abbassatela e terminate la cottura a fiamma moderata.

Se non li consumate tutti in un paio di giorni potete conservarli sottovuoto anche fino a 7-8 giorni.

NOTE:

  • Io ho usato il MixIt di  Schär, ma potete provare con un mix di farina di riso e amido di mais.
  • A quanto pare l’originale è più alto, tipo focaccia, ma sicuramente è preparato con lievito e con farina glutinosa che lievita molto.