Stampa questa pagina

Crostata di catalogna con stracchino di capra (senza glutine & vegetariano)

Vota questo articolo
(0 Voti)
In ogni stagione la natura ci regala una varietà straordinaria di ortaggi, tutti ricchi di proprietà nutritive.


Io amo molto le verdure invernali come le brassicacee, ma anche gli ortaggi a foglia come gli spinaci, il radicchio, la catalogna e quelli da fusto come sedano, cardi, finocchi.

Ne mangio grandi quantità ogni giorno, e mi piacciono soprattutto cotte al vapore, semplicemente con un filo di olio extra vergine e senza sale.

Senza sale perché con questo metodo di cottura si esaltano le qualità e i sapori, e una volta abituati al cibo poco salato si gusta e si assapora ogni sfumatura naturalmente deliziosa.

La catalogna, che è la verdura regina di questa ricetta, la sta facendo da padrona sulla mia tavola questo inverno, mi piace davvero molto e spesso la ripasso in padella con cipolla e ci salto la pasta integrale, un piatto che sembra semplice e povero ma secondo me è un piatto da re.

Se invece a voi la catalogna non piace per il suo sapore amarognolo (quest’anno credetemi è dolce!) provate a presentarla insaporita di formaggio, come ripieno di una squisita crostata.

Ecco come l’ho preparata.

INGREDIENTI:

PER LA CROSTATA

* farina di riso gr. 150

* farina di grano saraceno gr. 100

* sale ½ cucchiaino

* burro di semi di girasole gr. 120

* bicarbonato 1 cucchiaino

* aceto di mele 1 cucchiaino

* vin santo gr. 50

* acqua q.b.

PER IL RIPIENO

* catalogna gr. 600

* stracchino di capra gr. 200

* cipolla gr. 50

* olio di girasole alto oleico 3 cucchiai

* grana grattugiato 4 cucchiai

* sale q.b.

IL giorno prima impastate la base per la crostata.

In un contenitore con coperchio versate le due farine, fate un incavo al centro, mettete il bicarbonato e sopra versate l’aceto di mele, lasciate spumeggiare poi mescolate.

Aggiungete il burro di semi di girasole e impastate aiutandovi con un cucchiaio.

Aggiungete il vin santo (vedi note), il sale e l’acqua se serve per raggiungere la consistenza ottimale.

Quando tutti gli ingredienti sono amalgamati potete impastare a mano fin quando ottenete un panetto morbido e liscio ma consistente e non appiccicoso.

Chiudete il contenitore con il coperchio e conservatelo in frigorifero fino al momento della cottura.

Il giorno dopo pulite e lavate la catalogna, tagliatela a tocchetti e cuocetela al vapore fin quando è tenera.

Nel frattempo stufate la cipolla con l’olio di girasole fin quando è morbida, poi aggiungete la catalogna cotta e fate ben insaporire, salando il giusto.

Stendete 2/3 dell’impasto in una forma rotonda poco più grande della vostra tortiera con il mattarello, tra due fogli di carta forno avendo cura di ottenere uno spessore sottile (2-3 mm).

Lasciandola sulla carta spostatela nella tortiere facendo aderire bene i bordi e il fondo, bucherellate con una forchetta e tenete da parte.

Con l’impasto avanzato ricavate delle strisce per decorare la superficie, tenendo uno spessore leggermente più alto.

Accendete il forno ventilato a 180°

Quando la catalogna è insaporita, aggiungete lo stracchino di capra e il grana grattugiato, mescolate bene (se lo fate quando la verdura è calda il formaggio si scioglie meglio) poi versate nella tortiera e livellate.

Decorate la superficie con le strisce di pasta nella maniera che preferite, se volete potete spennellare la pasta con un filo di olio per dare croccantezza.

Cuocete per 35/40 minuti, ma abbassate la temperatura se la pasta dovesse scurirsi troppo.

A fine cottura estraete la crostata sollevandola con la carta e fatela intiepidire su una grata.

Articoli Correlati