Giovedì, 15 Dicembre 2016 15:01

Bufera su Acea nella provincia di Frosinone, qui il podcast che svela tutta la questione.

Vota questo articolo
(1 Vota)

In data 29 novembre è intervenuto su Radio Cusano il responsabile degli affari istituzionali di Codici, Luigi Gabriele, per fare il punto sull'evoluzione della vicenda che vede coinvolta Acea.

 

Clicca PLAY per ascoltare tutta l'intervista

Con la legge finanziaria del 2008 le associazioni per la tutela dei consumatori hanno la facoltà di analizzare la qualità dei servizi pubblici e quindi di intervenire nel momento in cui si rivelasse necessario. In linea con questa normativa si struttura la battaglia di Codici contro Acea, relativamente alla questione delle tariffe idriche nella zona della provincia di Frosinone.

Acea ha richiesto un aumento del 21% della corrente tariffa idrica sulla base di un sondaggio in cui i dati emersi mostravano una soddisfazione pressochè totale dei clienti, fattore che dunque ha spinto la società ad asserire che tra i cittadini della provincia di Frosinone ci fosse un alto livello di morosità al netto di una certificata alta qualità del servizio. 

Dal momento che i dati apparivano piuttosto irreali rispetto alle effettive condizioni di gestione, Codici ha deciso di commissionare un controsondaggio su un campionamento casuale di 3000 persone, mentre quello svolto in precedenza da Acea aveva coinvolto solo 1000 persone. Il sondaggio ha fatto venire alla luce una realtà completamente opposta rispetto a quella mostrata da Acea, in quanto i risultati dicono che il 95% dei clienti dell'area è insoddisfatto, ha subito uno o più disservizi di vario genere e soprattuto si vede costretto a pagare una bolletta la cui tariffa è solo stimata, e non basata sugli effettivi consumi.

Visto lo scenario piuttosto burrascoso, Codici ha deciso di interpellare l'Antitrust per appurare l'esistenza di eventuali pratiche commerciali scorrette e la Consob per analizzare i dati di bilancio a tutela degli investitori. Inoltre è stato contattato anche l'azionista di maggioranza di Acea, il quale però non ha ancora dato risposta sull'argomento.

In quella che si prospetta come una vera e propria battaglia all'orizzonte, Codici addirittura rilancia annunciando una imminente analisi del servizio idrico relativamente all'area della città metropolitana di Roma Capitale.