Lunedì, 19 Dicembre 2016 15:16

Padri separati: i giudici garantiscono il diritto alla bigenitorialità? Scopriamolo ascoltando il podcast in cui il Segretario Nazionale di Codici ci parla della campagna “Voglio Papà”

Vota questo articolo
(1 Vota)

Sulla scia di una sentenza considerata esemplare per il diritto di famiglia, approfondiamo un tema estremamente delicato ma oggi come mai attuale.

 

Clicca PLAY per ascoltare tutta l'intervista

Le separazioni portano con sé strascichi affettivi ed economici molto forti, a subire una situazione di disagio più aggravata sono, nella maggior parte dei casi, i padri, che separatosi, si ritrovano impoveriti economicamente e moralmente e che lottano per il proprio diritto alla bigenitorialità.
Ricordiamo la sentenza definita storica dagli esperti di diritto di famiglia che ha rimarcato il diritto alla bigenitorialità, tutelato anche dall'unione europea: il tribunale civile di Roma ha condannato una donna che parlava male dell'ex marito al figlio, a risarcirlo con una multa di 30.000 e a porre fine a questa condotta, pena la modifica delle condizioni di affido del minore. Ivano Giacomelli, segretario nazionale Codici, ci parla della campagna Voglio Papà, nata ormai da oltre due anni, a cui si è aggiunta la sezione dei Nuovi Orfani, perché l'allontamento dei figli dai padri crea di fatto degli orfani. Seppur lieti che la giurisprudenza italiana stia prendendo una via che tuteli maggiormente i padri, rimane ancora tanto da fare. Codici con la campagna “Voglio papà” offre supporto ai padri che si vedono negato il diritto di vedere i propri figli. Sono moltissime le segnalazioni di padri separati che non riescono a vedere i propri figli, spesso da anni, totalmente esclusi dalla formazione e dalla vita dei propri bambini. E la lentezza della giustizia italiana rende tutto più complicato.
L'Associazione Codici è a disposizione di tutti i padri che si trovino in situazioni tali di disagio e privazioni, per qualsiasi segnalazione scrivete a http://www.codici.org/voglio-papa.html.

Seguiteci ogni martedì dalle ore 16.15 su Radio Cusano Campus, http://www.tag24.it/.