Ho la celiachia!

Vota questo articolo
(0 Voti)

La celiachia (dal greco koilía) è una malattia autoimmune dell'intestino tenue, che si verifica in individui di tutte le età geneticamente predisposti.

I sintomi sono i più svariati, si va dalla diarrea cronica, al dolore addominale fino a un senso di stanchezza generale. La celiachia è causata da una reazione alla gliadina, una proteina del glutine, che scatena una reazione infiammatoria nell'apparato digerente; porta ad un troncamento dei villi che rivestono l'intestino tenue, si parla così di atrofia dei villi.

Questo causa un malassorbimento delle sostanze nutritive, da qui il senso di stanchezza generale. L'unico rimedio possibile è una dieta priva di glutine.

Parecchi anni fa era una malattia semi sconosciuta e una dieta priva di glutine era un’ossessione per i pazienti, anche per la difficoltà di trovare negozi specializzati in questi tipi di alimenti. Oggi pare che la situazione stia cambiando, con l’evolversi anche della società; infatti nelle grandi città possiamo trovare centri specializzati in vendita di questi prodotti privi di glutine.

Ovvio che anche i ristoranti dovrebbero essere al passo con questa malattia perchè è dimostrato come la celiachia colpisce da 1 su 1750 individui a 1 su 105. Per la diagnosi della celiachia si ricorre al semplice esame del sangue o in alcuni casi anche alla gastroscopia.

Per quanto riguarda la ricerca, vari innovativi approcci sono in fase di studio, nel tentavo di ridurre la necessità di seguire una dieta ferrea. L’utilizzo ad esempio di grano geneticamente modificato o specie di grano selezionate per essere minimamente immunogeniche.

Tuttavia, ciò potrebbe interferire con gli effetti che la gliadina ha sulla qualità della pasta. In alternativa, l’esposizione di glutine può essere minimizzata assumendo una combinazione di enzimi in grado di degradare i peptidi nel duodeno. Trattamenti alternativi in fase di studio includono, l’inibizione della zonulina, una proteina endogena correlata alla aumentata permeabilità della parete intestinale e quindi alla maggior presentazione di gliadina al sistema immunitario.

Come potete capire per ora la dieta priva di glutine pare essere la soluzione migliore e di sicuro più efficace.