I benefici della noce

Vota questo articolo
(0 Voti)

Il noce, Juglans regia L. della famiglia delle Juglandaceae, è un albero maestoso dalla chioma ampia, alto da 10 a 25 metri, con fusto eretto coperto da una corteccia grigio-biancastra e foglie alterne, pennato-composte.

Originario dell’Asia occidentale, fu introdotto fin dall’antichità nei paesi mediterranei, dove si è ambientato crescendo spontaneo fino a 1000 metri d’altitudine.

È un albero di grande utilità sia per il suo legno pregiato che per i suoi frutti, questi sono molto nutrienti e contengono un olio grasso, sconsigliato ad obesi e ipercolesterolemici.

In fitoterapia si utilizzano le foglie, che vanno raccolte in maggio-giugno ed essiccate all’ombra, conservandole poi in vasi di vetro. Contengono acido malico, juglandina e sostanze tanniche che ne fanno un rimedio efficace contro diversi malanni, essendo astringenti, depurative, antiscorbutiche, antiartritiche, antidiabetiche e colagoghe.

Si usano nel trattamento delle gastroenteriti enelle artriti; hanno inoltre la capacità di diminuire il tasso di zucchero nel sangue e la pressione arteriosa e sono sedative del sistema nervoso. Sono infine consigliate nelle infiammazioni ghiandolari, nei disturbi epatici e nelle malattie della pelle.