Fermenti lattici: un aiuto per la flora batterica

Vota questo articolo
(0 Voti)

Il tratto gastrointestinale del nostro corpo è popolato da un insieme complesso di microrganismi che vengono comunemente definiti flora batterica; grazie alla sua composizione (conta circa 500 specie diverse di microrganismi), è la base delle difese immunitarie del nostro organismo.

La flora batterica intestinale svolge numerose attività, tra quelle di maggiore rilievo vi sono la produzione di enzimi per favorire i processi digestivi, la sintesi di alcune vitamine (vitamine del gruppo B e vitamina K), la produzione di sostanze ad azione microbica, il potenziamento della funzione di barriera intestinale contro l’invasione di batteri patogeni e la regolazione del pH dell’ambiente gastrointestinale. Spesso però la flora intestinale viene alterata, magari a causa di una dieta squilibrata o di una situazione di stress particolarmente intenso, oppure per l’assunzione di antibiotici che sopprimono anche i batteri benefici della flora stessa o anche per infezioni sia di natura batterica che virale. In questi casi potreste ritrovarvi in situazioni davvero spiacevoli ed essere colpiti da dolori di pancia improvvisi, gonfiore addominale e nei casi più gravi anche da dissenteria o diarrea. Il rimedio è molto facile! Assumere fermenti lattici! Sono gli unici in grado di ristabilire l’equilibrio della vostra flora intestinale. In commercio ne esistono di svariati tipi dai probiotici ai prebiotici. In generale i probiotici, sono microrganismi vivi che esercitano un effetto positivo sull’equilibrio dell”ecosistema intestinale, e i prebiotici sono sostanze non digeribili che stimolano l’azione dei probiotici promuovendone la crescita e lo sviluppo. L’assunzione dei fermenti lattici, va effettuate a stomaco vuoto; e il motivo è semplice: in questo modo i batteri non vengono ostacolati nel loro percorso dal pH dello stomaco e dall’azione dei succhi gastrici, raggiungendo intatti l’intestino. Solo così svolgono a pieno la loro funzione.